I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Fuori dalla Citta'"


Note di regia di
Il racconto dell’infanzia, soprattutto se si usa il mezzo cinematografico, si espone deliberatamente al rischio della retorica e della nostalgia. La scrittura della sceneggiatura, soprattutto se si tratta dell’esperienza di chi la scrive, oltre a tener conto di questo rischio, deve anche considerare che il periodo della vita che noi usiamo definire infanzia è irriducibilmente proprio e, allo stesso tempo, essenzialmente comune a tutti gli uomini e le donne. La scrittura e la resa scenica devono quindi mantenere un difficile equilibro tra un’esperienza che è irriducibilmente personale e, allo stesso tempo, fondamentalmente universale. La resa cinematografica della sceneggiatura di Fuori dalla città vuole essere il punto di ideale equidistanza tra la sensibilità dell’autore-sceneggiatore e la sensibilità del regista, che si incontrano, per così dire, a metà strada per approdare a un possibile risultato di sintesi e di universalità. Lo sfondo è un ideale “mondo antico” in cui la natura è il mezzo in cui il bambino si muove e fa le prime esperienze, e la casa è il luogo in cui l’idillio dei rapporti familiari comincia a incrinarsi per far emergere la reale natura ambivalente dei rapporti umani. Il bambino, che vedeva il suo mondo come conchiuso e autosufficiente, si rende conto dell’irrealtà di tale percezione, e se ne comincia ad allontanare. Il percorso verso l’età adulta è tracciato. All’adulto spetterà poi di salvare dalla sua infanzia quel nucleo allo stesso tempo vitale, perturbante e inafferrabile senza il quale l’adultità non sarebbe che un errore.

Brace Beltempo and Domenico Lombardini