TersiteFilm
!Xš‚ť‰

IGNOTI ALLA CITTA' 2023 - Dal 14 al 16
dicembre al Castello di Mola di Bari


IGNOTI ALLA CITTA' 2023 - Dal 14 al 16 dicembre al Castello di Mola di Bari
Torna IGNOTI ALLA CITTŔ con tre giorni di documentari, talk, mostre, live (ingresso gratuito) in programma giovedě 14, venerdě 15 e sabato 16 dicembre 2023 al Castello di Mola di Bari. L’iniziativa č ideata e diretta da Camera a Sud Impresa Sociale, realizzata con la preziosa collaborazione di Officina dell’Arte, nell’ambito dell’Apulia Cinefestival Network 2023 con il sostegno di Regione Puglia e Apulia Film Commission e Comune di Mola di Bari.

Il programma si apre giovedě 14 dicembre, ore 20:00, con l’inaugurazione delle mostre: “La 'janna a Lianti (La porta a Levante)” progetto fotografico di Nanni Angeli sul mondo dello stazzo come elemento di grande rilevanza nel panorama visivo, culturale ed umano della Gallura, in Sardegna e “Giusti, 30 poster per ricordare ed educare alla non violenza” di Mauro Bubbico a cura dell’Associazione FAI Antiracket Falcone Borsellino, Montescaglioso (Mt) con Elisa Mulazzani e Giulia Venieri. Si prosegue, ore 20.30, con la proiezione del documentario “Cůntami” di Giovanna Taviani, il "canto magico" della regista, saggista, critica letteraria, figlia del grande sceneggiatore e regista Vittorio Taviani: un viaggio e un coro polifonico di voci che uniscono tanti 'cunti' (racconti) di una Sicilia antica e poco conosciuta; a seguire l’incontro con la regista moderato dal giornalista e critico cinematografico Livio Costarella.

La seconda giornata venerdě 15 dicembre si apre, ore 16:00, con “Docu Training Workshop” a cura di Graziana Saccente e Francesco Dongiovanni, un incontro formativo dedicato a registe, registi, autrici e autori con un progetto documentaristico in fase di sviluppo per analizzare momenti fondamentali come la presentazione del proprio lavoro, la realizzazione di un dossier e la preparazione al pitch con le produzioni. La giornata prosegue, ore 20.00, con la proiezione del documentario “Il tempo dei giganti” di Davide Barletti e Lorenzo Conte sul tema della Xylella, un viaggio nella terra d’origine in cui il protagonista incontra il male che sta uccidendo milioni di alberi d’ulivo, paradigma di un nemico invisibile che sta stravolgendo paesaggio, economia e relazioni umane, a seguire l’incontro con i registi sarŕ moderato dalla giornalista Annamaria Minunno.

L’ultima giornata del festival, sabato 16 dicembre, comincia, ore 19:30, con la presentazione del libro “L'Utopia per le strade. I carnevali del GRIDAS: come e perché mascherarsi. 40 anni di Corteo di Carnevale di Scampia” dell’artista muralista Felice Pignataro (Marotta&Cafiero Editori, 2023). Il racconto di una storia cominciata a Scampia quarant’anni fa con Pignataro, con la musica portata per le strade, poi arricchitasi con le murgas, un ribaltamento di ruoli e di luoghi comuni in occasione del carnevale che unisce centri e periferie attorno ad un’idea di comunitŕ fondata “non piů sull’accumulazione del denaro, ma sulla condivisione, non piů sulla sopraffazione, ma sulla fratellanza”, alla presentazione saranno presenti Mirella La Magna e Martina Pignataro. Si prosegue, ore 20.30, con la proiezione del documentario “Viva” di Alessandra Ardito e Marianna Turturo girato nella Casa di Reclusione Femminile di Trani sita all’interno di un vecchio convento, dove l’ironia e la solidarietŕ sono le uniche chiavi di sopravvivenza per le protagoniste che, ogni giorno, sognano di tornare a guardare il mare al di lŕ di quelle mura; segue l’incontro con le registe. Il programma prosegue, con l’evento speciale live “Io ero il milanese” di e con Mauro Pescio, restituzione teatrale del fortunato podcast omonimo prodotto da RaiPlay, il racconto della vita incredibile di Lorenzo S., una storia difficile, dura, ma anche piena di speranza: la storia di un’autentica rivoluzione personale. A seguire “TRADERE - Live elettronics e visual coding” a cura di @delle_cose (Alessandro Caccuri, Rodolfo Surico). Una performance di new media art alla scoperta della Puglia dimenticata, un viaggio, una danza tra canti e rituali antichi per ritornare ad essere tutt’uno con le nostre radici.

08/12/2023, 11:18