I viaggi di Roby
Massimiliano Camaiti

18/01/1977
Roma, Italia

Massimiliano Camaiti


Filmografia dal 2000:
2014 » corto MAtHIEU: regia, soggetto, sceneggiatura
2010 » corto perFiducia 2: regia (Ep. "LíApe e il Vento"), sceneggiatura (Ep. "LíApe e il Vento")
2005 » Passo a Due: aiuto regista

Biografia:
Una volta laureato in Economia, Massimiliano Camaiti decide di seguire la sua grande passione: il cinema. Mentre lavora sul set di vari registi, fra cui Carlo Verdone e Silvio Soldini, comincia parallelamente a realizzare dei cortometraggi. Il primo, Armando, Ť realizzato nel 2006 e ha come protagonista Andrea Sartoretti. Il cortometraggio viene subito nominato ai David di Donatello per poi girare il mondo in piý di 50 Festival Internazionali. Due anni piý tardi, con Pietro Sermonti e Marina Rocco, Camaiti gira Líamore non esiste vincendo poi piý di quindici festival internazionali. Fra questi spiaccano un premio allo Short Film Festival of Los Angeles e una Special Mention al San Francisco Short Film Festival. » alla fine del 2009 che il premio Oscar Gabriele Salvatores lo sceglie per realizzare il cortometraggio Líape e il vento allíinterno del progetto perfiducia. Massimiliano Camaiti ha cosž la possibilitŗ di dirigere attori del calibro di Elio Germano (che dopo pochi mesi vincerŗ a Cannes la Palma díoro come attore protagonista de La Nostra Vita) e Philippe Leroy. Il cortometraggio riceverŗ vari riconoscimenti fra cui segnaliamo le due Menzioni Speciali ai Nastri DíArgento (fotografia e sceneggiatura), il Globo díoro della Stampa Estera Italiana e il premio come miglior regista emergente al Venice_Circuito Off. Massimiliano Camaiti realizza anche alcune seconde unitŗ di serie televisive italiane, fra queste Romanzo Criminale Ė La Serie, uscita anche in Francia. Attualmente, il regista Ť in fase di preparazione del suo primo lungometraggio Gli Ultimi a Scendere, una co-produzione italo-franco-norvegese.
(ultima modifica: 16/12/2014)

Note:
- LíAmore Non Esiste (2008): regia e sceneggiatura
- Armando (2006): regia e sceneggiatura