I viaggi di Roby
Cinema Aquila
locandina di "C'era una Volta la Terra"

Cast


Soggetto:
Ilaria Jovine

Sceneggiatura:
Ilaria Jovine

Musiche:
Giuseppe Moffa (Musiche Originali)
Damien Mastroprimiano (Missaggio Musiche)

Montaggio:
Ilaria Jovine
Roberto Mariotti

Fotografia:
Roberto Mariotti

Suono:
Fabrizio Di Palma (Mix)

Produttore:
Federico Minetti

Voce Narrante:
Neri Marcorè

Interpretazione Canzone Finale:
Neri Marcorè

:
Roberto Mariotti

C'era una Volta la Terra


Regia: Ilaria Jovine, Roberto Mariotti
Anno di produzione: 2018
Durata: 52' - 80'
Tipologia: documentario
Genere: ambiente/etnologico/road-movie/sociale
Paese: Italia
Produzione: Effendem Film, Iljà Film
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di ripresa: Full HD
Formato di proiezione: HD, colore
Titolo originale: C'era una Volta la Terra

Recensioni di :
- C'ERA UNA VOLTA LA TERRA - Quando eravamo contadini

Sinossi: “La terra narra la difficile gestazione delle sue vite e gli uomini la sentono vibrare sotto i piedi come una creatura viva
Scriveva così, in un articolo apparso nel 1943 su Il giornale d’Italia, Francesco Jovine, scrittore, giornalista e saggista molisano, morto nel 1950 a soli 48 anni, dopo aver scritto moltissimi articoli e reportage giornalistici, numerosi racconti e due romanzi (“Signora Ava” e “Le terre del Sacramento”), il secondo dei quali, pubblicato postumo, gli ha fatto vincere il Premio Strega.
La terra è fondamentale per la figura di Jovine e di terra si è spesso occupata la sua scrittura: la terra del suo Molise, la terra del Mezzogiorno d’Italia, la terra coltivata dai braccianti, la terra delle lotte contadine, la terra abbandonata per emigrare in America, la terra aggredita dal dissesto idrogeologico.
In “C’era una volta la terra”, le parole e le tematiche affrontate da Jovine si trasformano in una voce guida, affidata all’attore Neri Marcorè, alla luce della quale osservare la realtà di oggi, il rapporto che oggi ha l’uomo con la terra, intesa come suolo da coltivare, territorio da salvaguardare e patria da cui emigrare o in cui immigrare.
Inevitabilmente, affiorano assonanze e dissonanze tra la realtà sociale, politica e antropologica descritta dallo scrittore e quella contemporanea vissuta dai personaggi incontrati e raccontati nel documentario.
Come bozzetti delineati sulla base del tema filmico, emergono la figura di un anziano professore di geografia ormai in pensione che, a bordo di un vecchio camper, si avventura tra le crepe di una frana o alle pendici di una discarica a rischio di smottamento, per riportare quanto ha visto agli studenti che ancora segue; la figura, misteriosa e quasi zen, di un giovane coltivatore di cereali e leguminose che, in un isolamento da eremita, sperimenta innovative tecniche di coltivazione insieme all’antica sapienza dei contadini e infine la realtà multietnica di una masseria, nella quale si distinguono due fratelli emigrati dal Punjab, ormai perfettamente inseriti nel nostro paese, e alcuni immigrati afghani, appena sbarcati in Italia e ospitati nel centro di accoglienza sorto all’interno della masseria stessa.

Sito Web: https://www.facebook.com/ceraunavoltalaterra/

Ambientazione: Molise

Note:
Il documentario è liberamente tratto dagli articoli giornalistici di Francesco Jovine (1902-1950).

  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto