CINECITTĀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby
locandina di ""

Cast

Con:
Arnoldo Foa'

Soggetto:
Cosimo Damiano Damato
Anna Procaccini (da una sua idea)

Sceneggiatura:
Cosimo Damiano Damato
Marcello Corvino

Musiche:
Valentino Corvino
Roberto Procaccini (Bano "Salvami la Vista")
Arnoldo Foa' (parole canzone Salvami la vista)

Montaggio:
Gianni Galantucci

Fotografia:
Irene Bufo

Produttore:
Marcello Corvino

Io sono il Teatro: Arnoldo Foā raccontato da Foā


Director: Cosimo Damiano Damato
Year of production: 2011
Durata: 54'
Tipology: documentario
Country: Italia
Produzione: Promo Music; in collaborazione con Cinecittā Luce
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Aspect Ratio: HD
Post production: LaDamaSognatrice Produzioni Audiovisive in HD
Formato di proiezione: HD, colore
Press office: Marco Giovannone
Titolo originale: Io sono il Teatro: Arnoldo Foā raccontato da Foā

Recensioni di :
- FESTIVAL DI ROMA Arnoldo Foā e il suo Teatro a Extra

Storyline: "Io sono il teatro" č un viaggio nella memoria del vissuto artistico e umano del grande attore, regista e commediografo Arnoldo Foā. Il Maestro racconta se stesso. Seduto dalla poltrona di casa sua rivede alla tv tutto il suo teatro e lo commenta, con il piglio di sempre fra ironia, poesia e impegno civile. Un viaggio che racconta per immagini anche tutto il teatro italiano, di cui Foā č stato ed č la vera anima. Il Maestro ci fa sedere in prima fila davanti al suo palcoscenico e ci rivela aneddoti e ricordi legati agli spettacoli portati in scena: da Pirandello a Baricco.
Non solo contributi video inediti degli spettacoli, ma anche le sue celebri dizioni di poesia, da Dante a Neruda. Fra le immagini inedite anche il suo ritorno a Ferrara per un omaggio a lui tributato. Č proprio nella cittā emiliana che Foā nasce nel 1916 da una famiglia di origine ebraica. Un racconto emozionante che vede il giovane Arnoldo trasferirsi a Roma, dove frequenta per qualche tempo il Centro Sperimentale di Cinematografia. Costretto ad abbandonare il Centro nel 1938 in seguito alla promulgazione delle leggi razziali, per diversi anni lavorerā come attore sotto falso nome, e solo dalla fine della guerra diventerā Arnoldo Foā, uno dei protagonisti del Teatro italiano del '900. Un grande racconto di vita e di spettacolo di un uomo che ha saputo essere continuitā fisica fra palcoscenico e vita.

Video


Foto