Meno di 30
I Viaggi di Robi

"Parlare di Cinema a Castiglioncello"
2008: L'Italia si racconta al cinema


Quando la critica diventa "promoter" del cinema italiano, il successo assicurato. Ottima risposta di pubblico per l'incontro L'Italia si Racconta al Cinema , evento della 4. Edizione di Parlare di Cinema a Castiglioncello. A "chiaccherare" con Paolo Mereghetti e Goffredo Fofi sono intervenuti Carlo Verdone, Matteo Garrone, Francesco Munzi e Paolo Virz.


Il modo per risollevare le sorti del cinema italiano? Tornare alla coralit. Questa la formula vincente scaturita nel corso dellincontro L'Italia si Racconta al Cinema , evento centrale della rassegna Parlare di Cinema a Castiglioncello. Condotto dai critici cinematografici Paolo Mereghetti (direttore della rassegna) e Goffredo Fofi, il dibattito ha visto alternarsi quattro grandi registi del panorama contemporaneo italiano, Carlo Verdone, Matteo Garrone, Francesco Munzi, e Paolo Virz. Dopo i saluti del sindaco di Rosignano Marittimo, Alessandro Nenci, Fofi ha subito messo in evidenza lelemento che accomuna i due autori tragici, Garrone e Munzi, ai due comici, Verdone e Virz: "La grande novit, inesistente nella storia del cinema italiano, quel senso di responsabilit che questi registi hanno scelto di assumere nei confronti del loro pubblico. In passato il cosiddetto cinema di denuncia non ha avuto gli effetti auspicati e anche i noir italiani finivano per mitizzare dei delinquenti". Sono film come Gomorra,dunque, che fanno aprire gli occhi al pubblico e a detta del regista e cinefilo Virz "non ti fanno venire nessuna voglia di diventare un camorrista, come invece accade nelle pellicole americane, i cui veri eroi sono i gangster". Alcuni aspetti della realt contemporanea italiana sono ripresi dal regista Francesco Munzi nel suo secondo lungometraggio, Il Resto della Notte, in questi giorni nelle sale. La marginalit della comunit romena si scontra con la tossicodipendenza e con lincomunicabilit, un male che affligge quella borghesia che come se stesse, a detta del regista, in una posizione di eterna apnea, tra lapparente normalit e la follia. A toccare temi caldissimi, come quello del precariato, ci pensa anche la commedia e ne un esempio Tutta la Vita Davanti, grottesca rappresentazione della vita dei giovani operatori dei call-center. E proprio il regista, Paolo Virz, riallacciandosi ad un intervento di Fofi, ha messo in evidenza il paradosso che fa corrispondere il momento di grande vivacit del cinema italiano al momento di crisi che vive il paese. Da questa situazione negativa non sembrano destinati a salvarsi nemmeno le maschere del cinema di Carlo Verdone. Nei tre episodi di Grande, Grosso e Verdone, dietro alla comicit dellattore romano, si nasconde una critica agli intellettuali, grandi in aula, perdenti nella vita, quasi una sorta di Jekill e Hide e la rassegnazione alla funerea morte delleleganza. Dalla Roma verdoniana, non pi caratterizzata dalle chiacchiere di quartiere, ma ormai vittima del cinismo e del sospetto, si passa alla Napoli di Gomorra, set naturale di una vera e propria guerriglia urbana. Garrone, che ammette di aver sempre sognato di girare una commedia, finendo sempre per fare dei drammi, risulta, a detta di Fofi, un vero e proprio innovatore nel dirigere la pellicola. Per individuare le giuste facce dei personaggi ha fotografato miglia di persone e, come adottato ai tempi in cui dipingeva a olio, ha girato e rimontato le sequenze pi volte, fino a raggiungere la giusta tonalit. Ma lelemento di grande cambiamento il rapporto che ha con i suoi colleghi-tecnici: non si tratta pi di un lavoro autonomo, ma il regista si sveste dei panni dellautore, per calzare quelli del coordinatore. Cos il primo vero pubblico diventano quelle cinquanta persone che stanno dietro la macchina da presa , per Garrone un "test fondamentale perch quello il vero giudizio popolare". Tornare alla coralit, quindi, per riscoprire il piacere di condividere il lavoro, di mostrare sfaccettature diverse di uno stesso paese o , come avviene nel caso del movimento dei 100autori, trovare un momento per condividere le proprie esperienze e aiutarsi a migliorare la macchina dei sogni italiana.

22/06/2008, 13:10

Antonio Capellupo