FilmdiPeso - Short Film Festival

Torna al Lido per il 3° anno il "Queer
Lion Award" per il Migliore Film Gay


Torna al Lido per il 3° anno il
Saranno 2 i presidenti di giuria del premio collaterale Queer Lion chiamati ad eleggere, tra ben 14 opere, il “miglior film con tematiche omosessuali o di interesse queer” presente trasversalmente in tutte le sezioni della 66. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2 / 12 settembre): Gustav Hofer e Luca Ragazzi, giovani registi (coppia anche nella vita), autori del film “Improvvisamente l’Inverno Scorso”, documentario sul travagliato iter politico dei DICO proposti dal Governo Prodi, premiato a Berlino nel 2008 e recente vincitore del Nastro d’Argento 2009, guideranno la giuria composta da Peter Marcias, regista sardo autore de “Ma la Spagna non era Cattolica?”, docu-fiction dedicato alla legge Zapatero sui matrimoni gay, Mark Smith, vice direttore del mensile “Time Out Amsterdam”, Roberto Schinardi, critico cinematografico di Gay.it.

14 i film in gara, tra cui: da Venezia 66 “A Single Man” di Tom Ford, tratto dal libro omonimo del 1964 di Christopher Isherwood; da Orizzonti l’italiano “Io Sono l’Amore” di Luca Guadagnino, film corale con una forte figura femminile lesbica tra le protagoniste, il vietnamita “Choi Voi” ("Adrift") di Thac Chuyen Bui, che presenta diverse storie legate dalla contemporanea difficoltà di costruire legami d’affetto, tra queste l’impossibilità di una donna di amare liberamente la sua migliore amica; da Controcampo Italiano “Il Compleanno” di Marco Filiberti, storia di un quarantenne sposato che perde la testa per il giovane figlio di una coppia di amici (interpretata dal modello brasiliano Thyago Alves); dalle 6.Giornate degli Autori “L’Amore e Basta” di Stefano Consiglio, documentario su 9 coppie omosessuali sposate o conviventi, lo spagnolo “Gordos” commedia dolceamara, ironica e spregiudicata di Daniel Sánchez-Arévalo sul problema dell’obesità, con un gay erotomane compulsivo tra i protagonisti; dalla 24.Settimana Internazionale della Critica il francese “Domaine” di Patric Chiha, e “Good Morning Aman” di Claudio Noce, che racconta dell’amicizia profonda, a tratti morbosa, dai risvolti mai davvero chiari ed esplicitati - nonostante un fugace bacio gay - tra Aman (Said Sabrie), ragazzo di colore, e Teodoro (Valerio Mastandrea), ex pugile romano.

Tra gli eventi collaterali: sabato 29 agosto alle 22 proiezione, alla presenza del regista Stefano Tummolini, del film “Un Altro Pianeta”, vincitore del premio lo scorso anno, al Padova Pride Village (via Goldoni, Padova), cui seguirà per tutta la notte nelle due discoteche allestite nella Fiera di Padova una grande festa evento di preapertura in onore del Queer Lion; giovedì 3 settembre la coppia di presidenti Ragazzi/Hofer sarà presente alle 17 al cinema Astra, sala 2 (via Corfù 12, Lido di Venezia), per la proiezione ad ingresso gratuito del loro documentario “Improvvisamente l’Inverno Scorso”; venerdì 4 settembre alle ore 15.30 alla Villa degli Autori (Lungomare Marconi 56/b, Lido di Venezia) incontro/dibattito organizzato da Lucky Red sulla “Normalità dell’Amore”, cui parteciperanno Stefano Consiglio, Luca Zingaretti, Jacques Lang, On. Anna Paola Concia, unica parlamentare dichiaratamente omosessuale; sabato 5 settembre dalle 24 alla discoteca Imperial (Lungomare Marconi 22, Lido di Venezia), di fronte all’hotel Des Bains, si svolgerà l’evento gay più trasgressivo delle notti festivaliere veneziane: il Queer Lion Party; mentre a partire da venerdì 11 settembre il verdetto della giuria sarà disponibile on line sul sito Queerlion.it.

19/08/2009, 14:55