Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

Il cinema italiano alla 63° edizione del
Festival International du Film de Cannes


Il cinema italiano alla  63° edizione del Festival International du Film de Cannes
Il cinema italiano avrà un ruolo da protagonista alla 63° edizione del Festival International du Film de Cannes. Accanto a "La nostra Vita" di Daniele Luchetti, con Elio Germano e Isabelle Ragonese, presente nella Competizione Ufficiale, nella Quinzaine des Rélisateurs, che propone opere di cinema indipendente e innovativo, sarà presentato Le Quattro Volte di Michelangelo Frammartino e Fuori Concorso invece "Draquila- l’Italia che trema" il documentario di Sabina Guzzanti sull’Aquila dopo il terremoto. "Tre Ore" di Annarita Zambrano e' invece selezionato tra i cortometraggi.

Nella giuria internazionale, poi vi sono due personalità di primo piano della cinematografia italiana : l’attrice Giovanna Mezzogiorno e il direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino, Alberto Barbera.

Con "La Nostra Vita", Daniele Luchetti è tornato a dirigere Elio Germano ("Mio Fratello è Figlio Unico") questa volta nei panni di operaio romano che, dopo un lutto, deve fare i conti con questo evento traumatico. Il film, prodotto da Cattleya con Rai Cinema, sceneggiato da Sandro Rulli, Stefano Petraglia e dallo stesso Luchetti, ha nel cast anche Raoul Bova e Luca Zingaretti.

"Le Quattro Volte" può essere considerato in tre modi diversi: film di fantascienza senza effetti speciali, documentario etnografico su alcune zone dell’Appennino calabrese o film saggio sull’anima. La Calabria Jonica è il teatro del lungometraggio che attraverso quattro episodi narra la storia di un’anima.

26/04/2010, 09:00

Martine Cristofoli