I Viaggi di Robi

L’evolversi di una storia familiare nei sei episodi
di "Sorelle Mai" di Marco Bellocchio


Presentato al Lido di Venezia, fuori concorso, il film di Marco Bellocchio "Sorelle Mai", con la partecipazione di Pier Giorgio Bellocchio, Elena Bellocchio. Donatella Finocchiaro, Gianni Schicchi Gabrieli e Alba Rohrwacher.


L’evolversi di una storia familiare nei sei episodi di
"Sorelle Mai" è un film strutturato a episodi, sei per l’esattezza, che raccontano l’evolversi di una storia familiare. Gli episodi sono stati girati nell’arco di sei anni fra il 1999 e il 2008 e raccontano la storia di una bambina nel suo periodo di crescita dai 5 ai 13 anni, oltre che della madre e del fratello. e dei loro rapporti profondissimi ma difficoltosi. Marco Bellocchio ha spiegato che "Sorelle Mai" è un film nato per caso traendo spunto e mettendo insieme i tanti racconti improvvisati da amici e parenti, attori e non attori e partecipanti al laboratorio Fare Cinema. Un film libero le cui riprese sono state permeate da quell’ansia leggera che accompagna sempre gli attori quando sono sul set. Sorelle mai riprende il mediometraggio "Sorelle" (già presentato al Festival di Roma nel 2006) rielaborandolo completamente e aggiungendo tre nuovi episodi.

Il film ha uno stile compatto (e insieme frammentario) e racconta tante storie in una, racconti di vita tenuti insieme da un filo profondo nonostante le divagazioni dell’intreccio, le imprecisioni e le ripetizioni di dialogo usate per ripercorrere la vita, la crescita e la trasformazione dei due fratelli Giorgio e Sara e della figlia Elena. "Sorelle Mai" è un piccolo film di fantasia, ma non è un film nostalgico, piuttosto un album di ricordi di famiglia. È il racconto di chi va e di chi resta nel luogo amato, che spesso è quello natio, Marco Bellocchio è nato a Piacenza nel 1939. Tra i suoi film più acclamati "Diavolo in corpo", "L’Ora di Religione", "Buongiorno, notte" (premiato alla 60 esima Mostra del Cinema di Venezia) e "Il regista di matrimoni".

09/09/2010, 15:45

Claudia Verardi