Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

Dal 1 al 6 agosto 2011 l'undicesima edizione
dell'ITALIAN FILM FESTIVAL di Rovigno


Dal 1 al 6 agosto 2011 l'undicesima edizione dell'ITALIAN FILM FESTIVAL di Rovigno
Si svolgerà dal 1 al 6 agosto 2011 l'undicesima edizione dell'ITALIAN FILM FESTIVAL di Rovigno, nell'Istria croata. La manifestazione è organizzata dalla locale Comunità degli Italiani, dal Circolo Lumière di Trieste e dal Circolo del cinema di Adria (RO), tutti affiliati alla FICC - Federazione Italiana Circoli del Cinema, anch'essa co-organizzatrice dell'iniziativa. Il Festival si avvale del contributo del Ministero italiano per i Beni e le Attività Culturali e di Enti Locali dell'Istria (Regione Istriana e Comune di Rovigno), del Friuli Venezia Giulia (Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste) e del Veneto (Regione Veneto, Provincia di Rovigo, Comune di Adria), nonché di sponsor come la Comunità Turistica di Rovigno, le Cooperative Operaie di Trieste, l'Unione Italiana di Fiume e l'Università Popolare di Trieste.

Festeggiato lo scorso anno il decennale, l'ITALIAN FILM FESTIVAL di ROVIGNO continua a perseguire i suoi obiettivi: presentare il cinema italiano nella penisola istriana, sostenere la locale comunità italiana, offrire momenti di scambio culturale alle diverse comunità linguistiche presenti.
Come di consueto il programma del festival è composto dalla sezione PANORAMA, che presenta alcuni film di recente produzione, con particolare attenzione a quelli che non sono stati agevolati dalla distribuzione italiana, dalla sezione RETROSPETTIVA, che presenta dei capolavori del passato e dalla sezione CORTI E DOCUMENTARI.

Il PANORAMA quest'anno è rappresentato da "LA FISICA DELL'ACQUA" di FELICE FARINA; da "VELMA" di PIERO TOMASELLI; da "BASILICATA COAST TO COAST" di ROCCO PAPALEO e da "NOI CREDEVAMO" di MARIO MARTONE. Proprio il film di Martone (la storia di tre ragazzi del Sud che decidono di affiliarsi alla Giovine Italia di Giuseppe Mazzini e le loro esperienze di cospiratori e rivoluzionari sullo sfondo della storia d'Italia), pur essendo la produzione più recente, si inserisce anche nella RETROSPETTIVA, quest'anno dedicata appunto alla celebrazione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
In oltre un secolo di Cinema Italiano, tra i capolavori più appassionanti ci sono proprio i film del Risorgimento: con serietà e forza poetica, grandi registi hanno ripercorso gli episodi e i personaggi che hanno portato l'Italia all'Unità nazionale, raccontando la storia come vita di donne e uomini, lontano dalla retorica. Tra tanti film meritevoli, è stato necessario operare una scelta, e quindi gli spettatori potranno cogliere gli aspetti più significativi della storia dell'Unità d'Italia con la selezione composta da "VIVA L'ITALIA" di ROBERTO ROSSELLINI (1961), "...CORREVA L'ANNO DI GRAZIA 1870" di ALFREDO GIANNETTI (1971), "PICCOLO MONDO ANTICO" di MARIO SOLDATI (1941), "CAMICIE ROSSE" di GOFFREDO ALESSANDRINI (1952), "1860" di ALESSANDRO BLASETTI (1934), affiancati a "UOMINI CONTRO" di FRANCESCO ROSI (1970).

Nella sezione CORTI E DOCUMENTARI verranno presentati innanzitutto i lavori premiati dal concorso organizzato dall'ARIS di Trieste “La stagione del raccolto. La maturità della vita al cinema”, lanciato proprio a Rovigno un anno fa, e quindi sullo schermo rovignese si vedranno "IO SONO IERI", dei toscani STEFANO e ALESSIO POGGIONI (miglior lavoro di autore sotto i 30 anni), "LA FORESTIERA", della siciliana TILDE DI DIO (miglior lavoro a soggetto), "DA LI MANS DI CARLIN", del friulano CARLO BELTRAME (miglior lavoro documentario). Poi, in rappresentanza della Regione Veneto, il documentario "LA VIA DELL'AMBRA". E ancora il documentario RAPOTEZ. UN CASO ITALIANO, a firma della rovignese SABRINA BENUSSI, in rappresentanza della Regione Friuli Venezia Giulia. Il documentario (con i contributi di MONI OVADIA, GHERARDO COLOMBO e MARCELLO FLORES) racconta la vicenda giudiziaria, durata cinquant'anni, di Luciano Rapotez, un istriano residente a Trieste accusato di triplice omicidio, costretto poi a emigrare per rifarsi una vita, lontano dagli affetti ormai perduti. Anche questo lavoro idealmente si inserisce nel tema dei 150 anni della Storia d'Italia, della quale non bisogna dimenticare o nascondere i momenti negativi di sordità burocratica, ipocrisia morale e collusione istituzionale. E' questo anche il senso dell'inserimento del film "UOMINI CONTRO" nella sezione Retrospettiva: la storia d'Italia non si ferma al Risorgimento, ma continua nei 150 anni successivi, tra alti e bassi. Un film come questo, che denuncia la follia della guerra (in questo caso la Prima Guerra Mondiale) e la disumanità dell'autoritarismo militare, ne è esempio.

Ospiti del Festival saranno FELICE FARINA, autore del film "LA FISICA DELL'ACQUA", che inaugurerà le proiezioni l'1 agosto, e SABRINA BENUSSI, presente con il suo film "RAPOTEZ. UN CASO ITALIANO", che chiuderà il festival il 6 agosto.

Le proiezioni serali si terranno all'arena estiva della Comunità degli Italiani di Rovigno, in Piazza Campitelli 1, con inizio alle ore 21, quelle pomeridiane invece al Centro Multimediale della Città di Rovigno, con inizio alle ore 18. In caso di pioggia, le proiezioni serali si terranno anch'esse al Centro Multimediale.

29/07/2011, 15:28