Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

La Sarraz a Cannes


La Sarraz a Cannes
I produttori di Producers on the Move, progetto sostenuto dal Programma Media, sono scelti dalle European Film Promotion e per l'Italia da Istituto Luce Cinecittà; a rappresentare l'Italia nella sezione Producers on the Move all’interno del Festival di cannes 2012, il torinese Alessandro Borrelli fondatore de La Sarraz Pictures.

La Sarraz Pictures è stata fondata nel 2004, dopo alcune esperienze di Alessandro Borrelli come Autore e poi produttore in altre società italiane. Nel 2004 stesso Borrelli dirige e produce in Madagascar il film documentario “Kitantara” che vede anche la partecipazione di Arturo Brachetti. Segue dal 2004 al 2011 la produzione di altri dodici film documentari di creazione, che hanno sempre uno sguardo rivolto al mercato e alla co-produzione europea, La Sarraz Pictures ha infatti collaborato con società tedesche, francesi, svizzere, rumene, spagnole e danesi per lo sviluppo e la produzione dei propri progetti.
Tra i titoli prodotti, ricordiamo i film dei fratelli torinesi Gianluca e Massimiliano De Serio “L’esame di Xhodi” e “Bakroman” (il primo premiato, il secondo vincitore al Torino film festival), “Giallo a Milano” di Sergio Basso, presentato in oltre quaranta festival nel mondo, premiato in Cina e Francia, “Pink Gang” del torinese Enrico Bisi e “Cadenas” di Francesca Balbo, attualmente in distribuzione nelle sale italiane.

Dal 2010 La Sarraz Pictures inizia un’importante collaborazione con i portali on line Corriere.it e Corriere.TV del Corriere della Sera producendo quattro progetti crossmediali/ docuweb e avvia un progetto di distribuzione nelle sale cinematografiche che porterà fino a oggi quattro dei propri film prodotti in sala.

Nel 2011 produce il film di finzione dei fratelli Gianluca e Massimiliano De Serio "Sette opere di misericordia", che vede la sua prima mondiale in concorso al Festival di Locarno, vincitore di quattro festival internazionali (Grenoble, Annecy, Villerupt e Nantes), premiato al festival di Marrakech per la miglior regia e presentato in oltre trenta festival internazionali (tra questi anche Torino, Busan, Londra, Rio de Janiero, Varsavia, Copenhagen).

Sempre nel 2011 Alessandro Borrelli è stato selezionato a partecipare alla 21a sessione dei prestigiosi “Atéliers du Cinéma Européen”, dove ha avuto la possibilità di implementare i contatti della propria società in Cina, in vista di una co-produzione cinese.

Producer on the move sarà l’occasione per presentare al più importante festival e mercato mondiale di cinema i nuovi progetti in sviluppo della società.
Sempre molto forte il legame con il territorio piemontese e torinese per La Sarraz Pictures, saranno infatti presentati due progetti di grande rilievo internazionale, la co-produzione italo-franco-belga per il prossimo film del regista francese Eugène Green, al quale il 29° Torino film festival ha dedicato una retrospettiva, dal titolo “La Sapienza” che sarà girato fine prossima estate e inizio autunno tra Parigi, Stresa, Torino e Roma.
Interamente torinesi, invece, le riprese per il prossimo lavoro di Umberto Spinazzola previste per il 2013 dal titolo di lavorazione “Quello che non ho”, un soggetto che affronta uno dei temi più importanti della nostra contemporaneità: lo spreco alimentare, attraverso una storia di grande impatto emotivo.
Continua anche la proficua collaborazione con Sergio Basso con “E adesso torniamo a casa” un progetto ambizioso a metà tra il musical e il documentario narrativo e “Ti ho sulle punta delle dita” da girare interamente a Shanghai in co-produzione con la Cina.
Per ritornare in Piemonte, sono già impegnati nella scrittura del prossimo film Gianluca e Massimiliano De Serio, dopo l’entusiasmante esordio di “Sette opere di misericordia”, rappresenterebbe per La Sarraz Pictures la quarta collaborazione con quelli che sono definiti dalla critica italiana e internazionale tra i più promettenti registi della nuova generazione di cineasti italiani.
Prosegue anche l’impegno nella produzione di documentari di creazione e nello sviluppo di piattaforme “transmediali” soprattutto per la parte documentaria con prestigiosi partner italiani e internazionali.

L’obiettivo de La Sarraz Pictures quindi è quello di promuovere un cinema di qualità, attento alle innovazioni tecnologiche e alle potenzialità offerte dal mercato europeo e, dove possibile, cercando di attrarre e sviluppare progetti nella regione Piemonte, in modo da implementare oltre alla già esistente ottima industria tecnica, anche un virtuoso circolo creativo che vede nascere, sviluppare e produrre film che saranno poi protagonisti nei festival e mercati internazionali.

20/05/2012, 12:25