Meno di 30
I Viaggi di Robi

Al via la XII edizione del Festival del Cinema Indipendente di Foggia


Al via la XII edizione del Festival del Cinema Indipendente di Foggia
Taglio del nastro per la XII edizione del Festival del Cinema Indipendente della Provincia di Foggia, domani, sabato 1 dicembre alle ore 18.00 presso la Sala Cinematografica Sala Farina, con la proiezione della versione integrale e restaurata dalla Cineteca di Bologna di Cera una volta in America. Si tratta di una nuova visione del celebre film di Sergio Leone, con Elizabeth McGovern, James Woods, Robert De Niro, Treat Williams, Joe Pesci, a cui sono stati aggiunti sei blocchi di scene inedite, per 26 minuti di proiezione in pi, per un totale di 4 ore e 19 minuti.

Grande attesa per il premio alla carriera a Philippe Leroy, il noto attore francese, che incontrer il pubblico del Festival, domenica 2 dicembre alle ore 17.30 alla Sala Farina, nel corso della proiezione dei cortometraggi vincitori dei Festival gemellati di Bovino, Manfredonia, Rocchetta SantAntonio e San Giovanni Rotondo, che prenderanno il via alle ore 16.00. Interverr anche lattore Sergio Assisi, noto al grande pubblico per la sua partecipazione, tra laltro, alla serie televisiva Capri.

Domenica 2 dicembre poi prevista anche la proiezione dei primi due film in gara, in programma sempre alla Sala Farina: alle 18.30 Il mio domani di Marina Spada e alle 21.00 Maternity blues di Fabrizio Cattani. I registi saranno presenti in sala per il dibattito al termine della proiezione.

Il mio domani, che tra gli interpreti vede Claudia Gerini e Raffaele Pisu, si muove intorno ad alcuni interrogativi inquietanti: Perch ogni volta che Monica torna a casa del padre riaffiorano sempre pi frequentemente il dolore e il risentimento legati a vicende della sua infanzia? Perch, da qualche tempo, avverte da parte di Vittorio Corradi, il presidente della societ di formazione aziendale per cui lavora e con cui ha una relazione, un distacco crescente? Perch Simona, la sorellastra, sembra rimproverarle il suo successo professionale e il suo tenore di vita, e perch lei non riesce a fare a meno di sentirsi in colpa nei suoi confronti?

Affronta il difficile tema dellinfanticidio, invece, il film Maternity Blues, con Andrea Osvart e Daniele Pecci, che intreccia storie di maternit disperate: Quattro donne diverse tra loro, ma legate da una colpa comune: linfanticidio. Allinterno di un ospedale psichiatrico giudiziario, trascorrono il loro tempo espiando una condanna che soprattutto interiore: il senso di colpa per un gesto che ha vanificato le loro esistenze. Dalla convivenza forzata, che a sua volta genera la sofferenza di leggere la propria colpa in quella dellaltra, germogliano amicizie, spezzate confessioni, un conforto mai pienamente consolatorio ma che fa apparire queste donne come colpevoli innocenti. Clara, combattuta nellaccettare il perdono del marito, che si ricostruito una vita in Toscana, sconta gli effetti di unesistenza basata su unapparente normalit. Eloisa, passionale e diretta, persiste ogni volta nel polemizzare con le altre, un cinismo solo di facciata. Rina, ragazza-madre, ha affogato la figlia nella vasca da bagno in una sorta di eutanasia. Vincenza, nonostante la fede religiosa sar lunica a compiere un atto definitivo contro se stessa. Ha ancora due figli, fuori, e per loro riempie pagine di lettere che non spedir mai.

Cominciano invece luned 3 dicembre le attivit didattico-formative riservate agli studenti. Si parte con un evento dedicato ai bambini delle scuole elementari.
La serata prosegue con la proiezione di altri due film in gara: Ulidi piccola mia di Mateo Zoni e Doll, the Fatso e Me di Felix Steinz, la prima delle tre pellicole europee che verranno trasmesse in lingua originale con sottotitoli in italiano. Saranno presenti i due registi per rispondere alle domande del pubblico.

una storia di formazione la prima pellicola, che racconta di Paola, una ragazza prossima ai diciotto anni, di cui gli ultimi quattro trascorsi lontano dalla famiglia, in comunit. Non pu e non vuole tornare a casa. Figlia di una donna musulmana e di un contadino, si trova divisa tra due culture molto diverse tra loro. Ora sar inoltre costretta ad affrontare, dopo un lungo periodo di sofferenza, tutte le difficolt legate alla fine delladolescenza e allingresso nellet adulta.

Il film di Felix Steinz ha per protagonista Bomber, un uomo piccolo, che ha appena perso il suo lavoro di corriere. Decide di raggirare il suo capo e di tenere i soldi del suo ultimo viaggio di consegna a Parigi. Europe una bella ragazza francese cieca che vive nella citt della Senna. Quando scopre di essere incinta di una storia di una sola notte, decide di recarsi a Berlino per trovare il padre.

La terza giornata del Festival si conclude con la proiezione in gara dei Cortissimi, mini-film della durata massima di cinque minuti,che saranno proiettati luned 3 dicembre, al Moody Jazz Caf, con inizio alle 22.30. Tra le dodici opere selezionate, diversi lavori stranieri provenienti da Inghilterra, Scozia, Spagna.

30/11/2012, 16:13