-D30
I Viaggi di Robi

Dal 6 al 9 giugno 2013 torna Contest - Il Documentario in Sala


Dal 6 al 9 giugno 2013 torna Contest - Il Documentario in Sala
"La nostra rassegna dedicata al cinema del reale offre questanno sette film in concorso sul tema Territori e tre proiezioni speciali per una quattro giorni pienissima, dalle 18.30 in poi!"

Questo appuntamento ricorrente, oltre ad aver rappresentato un esperienza pilota per quello che riguarda la promozione del documentario italiano nelle sale cinematografiche, stato poi ripreso successivamente in altre citt contribuendo cosi ad una moltiplicazione delle sale che in Italia oramai mettono a disposizione stabilmente i propri spazi per la diffusione del cinema del reale. La terza edizione, dopo le esperienze precedenti dedicate al tema delle nuove generazioni e a quello delle Memorie, si soffermer sui Territori e i meccanismi di resistenza messi in atto per difenderli ma anche dei territori della mente e della condizione umana, e si caratterizzer come un vero e proprio festival di cinema italiano. Saranno infatti sette i documentari in concorso che, valutati da una giuria del pubblico, concorreranno al premio AQUILA Doc che consiste in una settimana di programmazione in sala. Infine, il programma prevede anche una sezione Fuori Concorso composta da tre titoli dedicata al tema delle stragi irrisolte,

I film in concorso
Sette titoli come detto, tutti di recente produzione, premiati in diversi Festival e nella loro maggior parte proiettati in anteprima a Roma. Come nel caso di "NOMUOSFILM" di Enzo Rizzo, anteprima assoluta dello scempio previsto della Riserva Naturale Orientata Sughereta di Niscemi dove il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti si appresta a costruire il Mobile User Objective System, sistema di comunicazioni satellitari ad altissima frequenza, o nel bellissimo "MATERIA OSCURA" di Massimo DAnolfi e Martina Parenti, presentato nellultima edizione della Berlinale, che racconta un luogo di guerra in tempo di pace, il Poligono Sperimentale del Salto di Guirra tra le province di Cagliari e Nuoro, dove da oltre cinquantanni i governi di tutto il mondo hanno testato armi nuove, compromettendo inesorabilmente il territorio, cos come le miniere dellIglesiente e i personaggi che le popolano sono protagoniste de "LAMORE E LA FOLLIA" di Giuseppe Casu. Infine, ecco lapproccio poetico tracciato da Alessandra Celesia nel suo "LE LIBRAIRE DE BELFAST", vincitore dellultima edizione del Festival dei Popoli. Completano il programma il racconto e lincontro straordinario con Gerardo Marotta nello splendido "LA SECONDA NATURA" di Marcello Sannino, "SMS-SAVE MY SOUL" di Piergiorgio Curzi, un vero e proprio saggio narrativo sulle relazioni affettive al tempo della comunicazione digitale, virtuale e frammentata, e per concludere lindagine, serrata, senza sconti sugli OPG italiani e le 1500 persone che ospitano, in "LO STATO DELLA FOLLIA" di Francesco Cordio.

I Film fuori concorso
Questa piccola sezione formata da tre Doc, "PER MANO IGNOTA PETEANO UNA STRAGE DIMENTICATA" di Cristian Natoli, "UN SOLO ERRORE Bologna 2 Agosto 1980" di Matteo Pasi e prodotto da Ass. Pereira e "SUICIDIO ITALIA" di Filippo Soldi, prende spunto dallimpegno di singoli e associazioni che ostinatamente si spendono per contribuire a tenere viva la memoria di alcune delle pagine pi oscure della storia della Repubblica Italiana.

EVENTI
La Cantata NOMUOS di Matilde Politi

Matilde Politi attrice, musicista, cantante; dal 2000 si dedica alla ricerca e riproposizione del repertorio dei canti tradizionali siciliani, allinterno di una ricerca pi ampia sulla musica tradizionale del Mediterraneo, alle quali si aggiunge la scrittura originale di brani in siciliano che raccontano la societ attuale. La Cantata No Muos una storia scritta nella forma tradizionale siciliana del cantastorie, ottave di endecasillabi in rima che il cantastorie canta e cunta accompagnandosi con la chitarra e servendosi di un cartellone illustrato; la cantata nasce con lintento di raccontare la storia del movimento no muos, nella maniera in cui per secoli il popolo in Sicilia si autoraccontato: in questo senso la cantata del movimento, uno strumento per raccontarsi e per fare informazione militante.

15/05/2013, 16:00