I viaggi di Roby
locandina di "Materia Oscura"

Materia Oscura


Regia: Massimo D'Anolfi, Martina Parenti
Anno di produzione: 2013
Durata: 80'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
Produzione: Montmorency Film; in collaborazione con Rai Cinema
Distributore: n.d.
Data di uscita: 02/12/2013
Formato di ripresa: HDV
Post Produzione: Post-Produzione Audio presso lo Studio Barzan e Fotografica (color correction) presso la Square s.r.l.
Formato di proiezione: DVCpro HD, colore e bianco/nero
Ufficio Stampa: Studio Sottocorno (Arianna Monteverdi) / Claudia Tomassini & Associates
Titolo originale: Materia Oscura
Altri titoli: Dark Matter

Recensioni di :
- MATERIA OSCURA - Un'opera rara in cui la memoria è usata per svuotare il presente
- BFM 31 - MATERIA OSCURA, una storia italiana
- BERLINALE 63 - La "Materia Oscura" da Berlino a Parigi

Sinossi: "Materia Oscura" racconta un luogo di guerra in tempo di pace. Lo spazio del film è il Poligono Sperimentale del Salto di Quirra in Sardegna dove per oltre cinquanta anni i governi di tutto il mondo hanno testato “armi nuove” e dove il governo italiano ha fatto brillare i vecchi arsenali militari compromettendo inesorabilmente il territorio. All’interno di questo spazio il film compone tre movimenti. Il primo mostra una ricerca attraverso gli archivi cinematografici del poligono che hanno visto protagonisti le armi e gli esplosivi di tutto il mondo. Il secondo segue l’indagine di un geologo che tenta di rintracciare l’inquinamento causato dalle sperimentazioni militari. La terza racconta il lavoro di due allevatori e del loro rapporto con la terra, gli animali e con un passato profondamente segnato dall’attività bellica. "Materia Oscura" racconta questo luogo silenziosamente avvelenato. E tra montagne e mare, passato e presente viene costantemente messa in scena una “guerra immaginaria” che sembra non aver fine.

Ambientazione: Poligono Sperimentale del Salto di Quirra (Sardegna)

"Materia Oscura" è stato sostenuto da:
Programma Media Unione Europea
Associazione Corso Salani (Sostegno)


Note:
Il Poligono Interforze Sperimentale del Salto di Quirra è nato il primo luglio del 1956. Si estende tra terra e mare per un'area di 12.700 ettari in Sardegna, nella regione dell'Ogliastra e del Sarrabus. E' l’unico poligono sperimentale italiano e il più grande d’Europa. E' composto da personale proveniente dall’aeronautica militare, dall’esercito italiano e dalla marina militare. Vi si addestrano unità della Nato e della Sesta Flotta con attività nelle varie combinazioni terra-aria-mare. Nel poligono vengono testati i missili e i razzi del Ministero della Difesa e lo spazio viene messo a disposizione di ditte private italiane e straniere per provare armi e materiali di nuova generazione e altamente tecnologici. Il costo di una singola sessione si aggira attorno ai 50 mila euro all'ora. Per oltre cinquanta anni francesi, svizzeri, russi, tedeschi, israeliani, cinesi, libici e altri ancora hanno scelto questo luogo a bassa intensità abitativa e dal territorio variegato per sperimentare "armi nuove", mentre quelle a scadenza ravvicinata sono state fatte brillare, disperdendo nell'aria elementi tossici e nanoparticelle poi assorbite dai terreni del pascolo. Nel gennaio 2011, su ordine di Domenico Fiordalisi, Procuratore della Repubblica di Lanusei, la Squadra mobile di Nuoro ha posto sotto sequestro dei bersagli e dei radar situati nell’area militare, con l'ipotesi di omissione di cautele e di atti d'ufficio per mancati controlli sanitari. L'ipotesi di reato riguarda l'insorgenza in proporzioni insolite di linfomi, leucemie, malformazioni e altre patologie tra i militari, i lavoratori civili della base, i pastori concessionari del pascolo nell'area del poligono e i civili abitanti nei centri vicini. Tutto questo sarebbe dovuto all’uso massiccio e continuo di armi e materiali altamente radioattivi.

Video


Foto