I Viaggi di Robi

VENEZIA 70 - La Prima Neve in Orizzonti


Il nuovo film di Andrea Segre, presentato alla Mostra, affronta di nuovo le tematiche dell'immigrazione con l'aggiunta di drammi italiani


VENEZIA 70 - La Prima Neve in Orizzonti
Un'immagine di "La Prima Neve" di Andrea Segre
Dopo il successo di "Io sono Li", Andrea Segre torna alla Mostra trattando l'argomento a lui pi caro, l'immigrazione. La vicenda, ambientata in Trentino, appare per piuttosto superficiale, con argomenti forti e troppo facili per non risultare pretestuosi. Con un ritmo lento come la vita di montagna, "La Prima Neve" affronta temi potenzialmente interessanti trattandoli per con una neutralit pi adatta al documentario che ad un film di finzione. Cos sono trattati anche i personaggi ai quali non si riesce in alcun modo ad affezionarsi, legati a degli stereotipi umani e interpretativi. Il bambino orfano (Matteo Marchel), l'immigrato padre e vedovo (Jean-Christophe Folly), la mamma vedova (Anita Caprioli) e l'amico simpatico e scapestrato di Giuseppe Battiston che sembra appena arrivato dal film Zoran, dopo qualche settimana lontano dal vino, ma con lo stesso maglione indosso. Siamo d'accordo con lui al cento per cento sulla necessit di utilizzare attori bravi, ma ci sentiamo di aggiungere che non sarebbe male poter vedere personaggi interessanti e diversi.

evidente che non basta pi mostrare il caso umano per sostenere un film, e la sensibilit di un autore dovrebbe servire anche ad afferrare queste sensazioni prima di noi comuni spettatori. Segre, dopo la poetica perfezione del debutto, forse ha colto questa necessit ma ha cercato di porvi rimedio aggiungendo altri drammi personali e non approfondendo o cambiando strada. Ne risulta una somma di vite sfortunate che aggiunta alla retorica della vita semplice e onesta di montagna, non riesce a fare un film.

Finanziato tra gli altri dal Mibac e dal Trentino Film Commission, difficile capire come e perch "La Prima Neve" di Andrea Segre riuscir a replicare il successo di "Io Sono Li" e a suscitare l'attenzione degli spettatori oltre che dei selezionatori dei Festival.

06/09/2013, 13:36

Stefano Amadio