CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

TI AMO TROPPO PER DIRTELO - Amori a Torino


Il film-tv di Marco Ponti trasmesso dopo 3 anni di attesa


TI AMO TROPPO PER DIRTELO - Amori a Torino
'Scongelato', quando ormai si temeva lo avessero dimenticato per sempre: la storia di "Ti amo troppo per dirtelo", commedia firmata da Marco Ponti nel 2011, sembrava quella di (troppi) altri film, divenuti invisibili dopo la loro conclusione. Eppure, il nome del regista di "Santamaradona" e un cast di qualità e fama (Crescentini, Trinca, Scianna, Troiano, Bilello...) avrebbero dovuto portare un diverso destino al film.

Comunque, tre anni dopo eccoci qui: il film (concepito per la televisione) è stato trasmesso da Canale 5 domenica 22 giugno 2014 con un buon riscontro di pubblico (3 milioni circa di spettatori, miglior pellicola della serata), e a visione conclusa i dubbi sul perché non metterlo in programmazione si sono fatti ancora più solidi.

"Ti amo troppo per dirtelo", girato a Torino e zone limitrofe (la Avigliana del regista, per esempio) è una commedia brillante anche se non originalissima, in cui Ponti dimostra ancora una volta (lo ha fatto anche nel successivo/precedente "Passione sinistra") una grande capacità nel dirigere i suoi attori e nello scrivere dialoghi efficaci, divertenti e intelligenti.

Il triangolo sentimentale costituito da Jasmine Trinca (la cui voce fuori campo commenta tutto il film, soluzione forse un po' semplicistica) e Francesco Scianna, tra cui si inserisce Carolina Crescentini, è la base su cui si inseriscono scene divertenti con gli amici di sempre e i colleghi di lavoro, belle immagini di Torino e un ritmo tutto sommato mai stantìo.

La sensazione che 'manchi' qualcosa c'è, forse anche solo il respiro cinematografico (alcune scene di raccordo paiono davvero poco curate, così come alcune soluzioni 'digitali'), e il finale pare eccessivamente tirato via, troppo rapido e semplicistico.

Nota di merito per l'interpretazione (e i dialoghi a lei assegnati) di Valeria Bilello in un ruolo piccolo ma impossibile da non notare, un po' come - ancor di più - fatto da Ponti nell'ultimo lavoro che ha portato a premi e riconoscimenti Eva Riccobono.

23/06/2014, 20:56

Carlo Griseri