OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

TFF32 - Un successo líanteprima di "Abacuc" al Torino Film Festival


TFF32 - Un successo líanteprima di
» stato presentato in anteprima allíedizione 2014 del Torino Film Festival (sezione Onde) líultimo film di Luca Ferri: Ť "Abacuc", un lungometraggio di 85 minuti in bianco e nero, realizzato in Super 8 e prodotto da Lab 80 film.
Applaudito dal pubblico (tutto esaurito per líanteprima) e dalla critica, e presentato in questi giorni anche al Festival internazionale del cinema di Mar del Plata in Argentina, il film Ť interamente centrato sulla figura del protagonista: Abacuc, interpretato dallíattore Dario Bacis, Ť líultimo uomo, un superstite che si ripete in modo ossessivo in una quotidianitŗ che Ť tanto scarna quanto simbolica.
Luca Ferri, regista che nei suoi lavori si muove in ambiti visivi inusuali e spesso spiazzanti realizzando un cinema che Ť in continua trasformazione, ha scelto di nuovo Bacis come interprete di un suo lavoro: 198 chili e 42 anni, uno sguardo fisso e glaciale (ma non per questo feroce o disumano), Ť giŗ stato protagonista di altri due film di Ferri.

Questa volta Ť "Abacuc", un uomo che passa il suo tempo in una immobilitŗ distaccata da qualsiasi emozione, si reca prevalentemente al cimitero, in parchi tematici dellíItalia in miniatura o vicino ad architetture utopiche. Vive in una casa ferroviera e non proferisce mai parola, líunica voce che si sente Ť quella femminile e fuori campo che interviene quando, strappato per un momento alla sua solitudine catastrofica, "Abacuc" alza una cornetta telefonica con il filo staccato: la donna rimane celata, comunica tramite citazioni letterarie e si rivelerŗ un cul de sac come líesistenza di "Abacuc", perchť Ť soltanto il suo sdoppiamento.
Vive allíinterno di geometrie rigorose, la sua esistenza Ť una sorta di sinfonia inceppata: Abacuc Ť una marionetta senza spettatore, recita líultima piŤce possibile.

Dice Luca Ferri: "Abacuc, o Dario Bacis, come lo si vuol chiamare, ha una forza visiva unica, sembra un dipinto di Piero della Francesca. » il mio ecce homo, un individuo capace di condensare in sť il senso stesso del film: una riflessione sulla condizione del cinema come mezzo espressivo. In quanto sopravvissuto alla catastrofe, che vive nel continuo inseguimento di nulla, Abacuc rappresenta il bisogno dellíarte cinematografica di autoestinguersi e implodere in sť stessa. Non puÚ essere che cosž, visto il suo stato oggi".

Il film diventa una metaforica riflessione, un pensiero ironico e inaspettato sulla storia e líessenza stessa del cinema. Non secondaria, in questa prospettiva, Ť stata la scelta del Super 8: in uníepoca in cui il cinema rincorre in modo spesso acritico le ultime novitŗ tecnologiche, la ripresa in Super 8 Ť un ritorno allíinizio, una riduzione allíessenza.
Le musiche originali di "Abacuc" sono del Maestro Dario Agazzi: piý che una colonna sonora una partitura contemporanea, in cui una sorta di requiem da organetto segue la ripetitivitŗ di Abacuc in un accompagnamento sonoro che sa quasi di vecchie chincaglierie.

Luca Ferri, bergamasco classe 1976, giŗ autore di metaromanzi e regista autodidatta, prima di "Abacuc" ha realizzato quattro mediometraggi e tre lungometraggi. Nel 2012, con "Magog o epifania del barbagianni", ha partecipato al Festival del Nuovo Cinema di Pesaro, nel 2013 il suo "Habitat", un dialogo con il grande regista italiano Franco Piavoli, ha partecipato al Torino Film Festival.
Il film Ť stato selezionato al Torino Film Festival 2014, nella Sezione Onde; al Festival Internacional de Cine de Mar del Plata 2014, in Argentina, nella Sezione Italia Alterada 7Ĺ (dove viene proiettato a poche ore di distanza dallíanteprima italiana di Torino), e al Filmmaker Festival di Milano, edizione 2014, nella Sezione Prospettive.

25/11/2014, 17:02