Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

Al Premio Mario Monicelli la Street Art con ZED1


Al Premio Mario Monicelli la Street Art con ZED1
Mario Sesti
Continuano con grande successo le iniziative legate al Premio Mario Monicelli realizzato dalla Fondazione Grosseto Cultura e curato da Mario Sesti e Jacopo Mosca.
Dopo le web serie, a Grosseto protagonista la Street Art, una sezione dedicata alle arti visive che si ispira allo spirito libero e antagonista del regista scomparso ed curata da Chiara Rapaccini, artista e ultima compagna di Mario Monicelli e da Mauro Papa del Cedav (Centro Documentazione Arti Visive).

Lartista che stato prescelto attraverso la Call for Artist ZED1 e si inaugura il 13 giugno lopera realizzata dall'artista e ispirata a tematiche legate ai film e al pensiero di Mario Monicelli.
Dai primi di giugno ZED1 si stabilito a Grosseto per creare un murale lungo il muro compreso tra il carcere circondariale e il bastione mediceo del Cassero senese.

Marco Burresi in arte ZED1 un artista polivalente che riesce a passare con disinvoltura dalla parete alla tela, dalla grafica pubblicitaria a quella per importanti brand dellabbigliamento.
Anche se, quando la sua creativit deve manifestarsi sulla parete, come davanti al primo amore dimostra una particolare sensibilit, emerge una maggiore disinvoltura.

Nel 2013, con la mostra "RAP!", di Chiara Rapaccini nella sconsacrata Chiesa dei Bigi di Grosseto furono allestite le irriverenti opere di. Nel 2014 ha esposto nella stessa sede il collettivo romano Andromalis, che present La strategia di Abacuc, una installazione site specific di deliranti manifesti grafici e sculture popolari dedicate agli eroi in affanno del mondo di Monicelli.
In occasione del centenario della nascita del grande regista toscano, la sezione Arte del Premio esce dalla Chiesa dei Bigi e si rivolge al mondo della street art. Lo scopo stato quello di decorare una superficie muraria collocata in un luogo dall'importante valore simbolico, perch mette in relazione l'ottocentesco carcere di Grosseto con uno dei pi antichi monumenti della citt: il Cassero senese medievale. In pieno centro storico, il murale oggi deturpato da interventi grafici e pittorici privi di qualsiasi senso estetico o concettuale rappresenta una zona della citt particolarmente visibile ma scarsamente frequentata, quindi paradossalmente marginale e bisognosa di una riqualificazione creativa. La vocazione pubblica dell'intervento valorizzata inoltre dal coinvolgimento della comunit residente, che potr collaborare con l'artista partecipando alla progettazione del murale e discutendo le reali possibilit di espressione di una nuova generazione che sosteneva Monicelli pi della classe politica deve essere responsabile del cambiamento del paese.

12/06/2015, 17:39