Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

Proiezioni estive ad agosto a Londra con due registi
italiani: Agostino Ferrente e Vittorio Moroni


Proiezioni estive ad agosto a Londra con due registi italiani: Agostino Ferrente e Vittorio Moroni
Il regista Agostino Ferrenta
Agostino Ferrente e Vittorio Moroni sono i due registi italiani protagonisti delle proiezioni estive di CinemaItaliaUK al cinema Genesis di Londra questo agosto: portano i propri film nella capitale britannica ed incontrano il pubblico londinese per dibattiti su giovani e immigrazione. Entrambi i film, in italiano con i sottotitoli in inglese, sono seguiti da un rinfresco con cibo italiano.

Domenica 9 agosto 2015 alle 18.30, per la sezione documentari, si svolge la proiezione di “Le Cose Belle” di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno. Dopo il film è previsto un dibattito alla presenza di Ferrente, moderato dalla regista e produttrice Luisa Pretolani, seguito da un rinfresco con focaccia italiana offerta da Donna Fugassa.

Domenica 30 agosto alle 18.30 la sezione “fiction film” presenta “Se Chiudo Gli Occhi Non Sono Più Qui” di Vittorio Moroni che partecipa alla proiezione ed al dibattito.

"In molti vedendo il nostro film" - dice Agostino Ferrente - "hanno la sensazione che la domanda di fondo che ci facciamo è se i nostri protagonisti siano riusciti o meno a realizzare i loro sogni di quand’erano ragazzi. In realtà la vera domanda è un’altra, e cioè se a questi i ragazzi è stato garantito o meno il diritto a sognare. Come sappiamo questo diritto che dovrebbe appartenere a tutti gli esseri umani è troppo spesso negato a quanti nascono in ambienti disagiati. E questa realtà non riguarda certo solo il meridione italiano, ma tutto mondo, compreso naturalmente Londra".

"Mi pare ci sia un'anima dickensiana in questo film" - dice Vittorio Moroni - "che guarda all'adolescenza con immedesimata apprensione. In tutta Europa in questi anni si avverte un pericolo grave: che la generazione oggi adolescente si trovi davanti un orizzonte chiuso, schiacciato dalla precarietà e dalla necessità di diventare al più presto produttivi. La libertà di scoprire chi sono, cosa desidero profondamente, cosa è davvero decisivo per la mia esistenza rischia di essere un lusso impossibile per molti giovani nati in un' Europa che si è scoperta all'improvviso incapace di garantire diritti che i propri cittadini hanno conquistato in questo secolo".
Vittorio Moroni sta lavorando al suo nuovo film "A perfect season" co-prodotto da Italia e Francia.

04/08/2015, 11:50