Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

ROMA FICTION FEST - Apre Elio Germano col suo Manfredi


"In arte Nino" il racconto degli anni di crescita e formazione di Nino Manfredi. Il film diretto dal figlio Luca Manfredi e interpretato da Elio Germano, ha aperto fuori Corcorso la decima edizione del Roma Fiction Fest. La vita del grande attore e regista nel periodo dal 1943 al 1958. Con Miriam Leone, Stefano Fresi, Giorgio Tirabassi, Duccio Camerini, Roberto Citran


ROMA FICTION FEST - Apre Elio Germano col suo Manfredi
Miriam Leone ed Elio Germano
Sacro e profano si alternano velocemente in Elio Germano: alla veste del saio francescano (Il sogno di Francesco), lattore romano (e anche il pubblico) preferisce di gran lunga quella di Nino Manfredi. "In arte Nino" omaggia infatti il grande attore ciociaro dagli anni della giovinezza trascorsi all'Ospedale Forlanini a causa di una grave malattia, fino a quelli della formazione per quella sempre pi grande passione per la recitazione.

Pi che Nino, viene raccontata la storia di Saturnino in unottica intima, tramite il difficile rapporto con la famiglia, con il padre rigido ed esigente, la madre sognatrice e apprensiva e il fratello fin troppo inquadrato. Un racconto in cui si nota nella poeticit con cui viene descritto il rapporto tra Manfredi e larte (sia musicale che recitativa) o nella sua ironia, locchio riconoscente di un figlio. Un ritratto che per il punto di vista scelto, si discosta dai biopic televisivi, preferendo introspezioni un po romanzate ma paradossalmente pi apprezzabili e interessanti. Non solo Elio Germano a valorizzare il personaggio che interpreta: da Stefano Fresi, a Duccio Camerini, fino ai personaggi secondari affidati a grandi professionisti come Leo Gullotta, Giorgio Tirabassi o Roberto Citran, il film nella sua credibilit corale trova un'ulteriore forza.

proprio nel finale che il pubblico si convince dello scopo del film e in quella chiusura in cui anche il pubblico vorrebbe partecipare. Non occorre infatti ricordare il grande Manfredi di "Brutti, Sporchi e Cattivi" o degli esordi con "Tot, Peppino e la Malafemmina", ma scoprire il Saturnino che strimpella la chitarra per l'amico che ha paura di morire, che non risponde allappello durante un esame o si diletta a personalizzare una parte con laccento ciocario. Occorre scoprire e applaudire Nino Manfredi non solo per i successi della vita, ma anche per il modo di affrontarla questa vita.

08/12/2016, 09:28