I Viaggi Di Roby

Note degli autori de "La Porta Rossa"


Note degli autori de
Una scena della serie "La Porta Rossa"
Alla base della serie "La Porta Rossa" c’è la volontà di combinare un’investigazione classica a un elemento sovrannaturale: ecco così l’idea di un commissario morto che indaga sul suo stesso omicidio, che rinuncia ad andarsene dal mondo e continua a indagare per salvare sua moglie Anna.
In questo modo, l’elemento sovrannaturale non solo non indebolisce l’impianto del whodunit, ma il tema della vita dopo la morte può emergere in tutta la sua potenza metaforica.
Ne La Porta Rossa è “fantasma” tutto ciò che sta nel passato e che non riusciamo a dimenticare. Sono “fantasmi” anche gli errori commessi, quelli con i quali non abbiamo fatto pace e quelli che invece avremmo preferito commettere. “Fantasmi” sono anche le persone che ci vivono accanto, ma di cui non abbiamo altro che un’immagine fugace e superficiale, quella che decidono di mostrarci o l’unica che siamo interessati a vedere.
Ne La Porta Rossa la morte non è raccontata come un momento di chiusura, ma come un’occasione di riflessione e di trasformazione: questo aspetto è incarnato soprattutto nel personaggio di Anna, che fa del lutto un’occasione di crescita, e in quello di Vanessa, che scopre la sua vera identità proprio nel confronto con la morte.

Carlo Lucarelli , Giampiero Rigosi, Sofia Assirelli e Michele Cogo

15/02/2017, 18:22