Meno di 30
I Viaggi di Robi

FESTA DI ROMA 14 - Il CSC e la Cineteca
Nazionale tra mostra e restauri


FESTA DI ROMA 14 - Il CSC e la Cineteca Nazionale tra mostra e restauri
La Festa del Cinema di Roma, giunta alla 14esima edizione, si svolge dal 17 al 27 ottobre prossimi. E ledizione di questanno vede una forte presenza del Centro Sperimentale di Cinematografia presieduto da Felice Laudadio: sia con tre nuovi restauri realizzati dalla Cineteca Nazionale, sia con la riproposta di un estratto dalla mostra Esercizi di bellezza. Piero Tosi e gli anni del CSC che si tenuta dallottobre 2018 al gennaio 2019 presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma: una mostra dedicata, appunto, a Piero Tosi, uno dei pi illustri docenti della Scuola Nazionale di Cinema che la Festa ricorder dopo la sua scomparsa, avvenuta lo scorso 10 agosto.

I tre restauri sono: Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi (2001), Il manoscritto del principe di Roberto And (2000), Gruppo di famiglia in un interno di Luchino Visconti (1974): un classico di un grande autore e due film relativamente recenti, realizzati nel XXI secolo ma gi bisognosi di interventi di restauro e conservazione. Ai quali va aggiunto un restauro non recente operato dalla Cineteca Nazionale, Fellini Satyricon, col quale si aprono le celebrazioni in tutto il mondo del Grande Riminese in occasione del centenario della sua nascita nel 2020.

Il manoscritto del Principe (Roberto And, 2000)

Prodotto tra gli altri da Giuseppe Tornatore, il film ambientato a Palermo negli anni 50 e racconta lultima fase della vita di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, lo scrittore del Gattopardo.

Il restauro stato realizzato nel 2019 dal Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale a partire dal negativo originale 35mm e dal negativo sonoro ottico messi a disposizione da Francesco e Giuseppe Tornatore. Tutte le lavorazioni, realizzate presso il laboratorio Studio Emme di Roma, sono state approvate dal regista Roberto And. La supervisione al restauro del colore stata realizzata a cura del direttore della fotografia Enrico Lucidi.

Proiezione alla Festa: domenica 20 ottobre, MAXXI, ore 19.00

Il mestiere delle armi (Ermanno Olmi, 2001)

Presentato in concorso a Cannes nel 2001, racconta gli ultimi giorni di vita del famoso capitano di ventura Giovanni dalle Bande Nere, morto a soli 28 anni nel 1526. Scritto da Ermanno Olmi e magnificamente fotografato da suo figlio Fabio, il film si aggiudicato 9 David di Donatello e 3 Nastri dargento.

Il restauro stato realizzato nel 2019 dal Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale e dallIstituto Luce-Cinecitt, ed eseguito presso i laboratori di Istituto Luce-Cinecitt a partire dal negativo originale 35mm e dal disco magnetico-ottico originale Dolby Digital 5.1. Le lavorazioni sono state supervisionate dal direttore della fotografia Fabio Olmi. La supervisione al restauro del suono stata realizzata a cura di Federico Savina.

Proiezione alla Festa: venerd 18 ottobre, Frecciarossa Cinema Hall/Villaggio del cinema, ore 17.30

Gruppo di famiglia in un interno (Luchino Visconti, 1974)

Un anziano professore vive isolato, fra libri e quadri, in un palazzo di Roma. Una nobildonna lo convince ad affittare una parte del palazzo al suo giovane amante. Penultimo film nella carriera di Luchino Visconti, si avvale della magnifica interpretazione di Burt Lancaster che torna a lavorare con il regista dieci anni dopo Il Gattopardo. Tra gli interpreti, Silvana Mangano e Helmut Berger. I costumi sono di Piero Tosi.

Il restauro stato realizzato nel 2019 dal Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale a partire dal negativo originale 35mm e dal negativo sonoro ottico messi a disposizione da Minerva Pictures Group Srl. Tutte le lavorazioni sono state realizzate presso il laboratorio Studio Emme di Roma. La supervisione al restauro del suono stata realizzata a cura di Federico Savina.

Proiezione alla Festa: sabato 19 ottobre, Frecciarossa Cinema Hall/Villaggio del cinema, ore 15.00

Fellini Satyricon (Federico Fellini, 1969)

Il film, restaurato anni fa dalla Cineteca Nazionale, viene presentato alla Festa come un doppio omaggio: a Piero Tosi, che ha collaborato con Fellini nella realizzazione delle acconciature e dei volti, e a Lucia Bos, che nel film interpreta la matrona suicida. Durante la Festa verr anche presentato il volume Lucia Bos. Una biografia di Roberto Liberatori, edito da Edizioni Sabinae. Lucia Bos incontrer il pubblico il giorno 23 ottobre, mercoled, alle ore 17,30 al Teatro Studio dellAuditorium.

Proiezione alla Festa: mercoled 23 ottobre, Casa del Cinema, ore 20.30

Gli abiti di Piero Tosi

Per tutta la durata della Festa, nello spazio fra la Sala Petrassi e la Sala Sinopoli adiacente al guardaroba dellAuditorium, saranno esposti quattro abiti realizzati da Piero Tosi nel corso dei seminari di Costume, Trucco e Acconciatura da lui tenuti al Centro Sperimentale, in qualit di docente di riferimento del corso di Costume. Tosi ha insegnato al CSC dal 1988 al 2016. Gli abiti provengono dalla mostra Esercizi di bellezza che si tenuta al Palazzo delle Esposizioni di Roma da ottobre 2018 a gennaio 2019. Una mostra curata da Stefano Iachetti, che stata un grande omaggio al pi grande costumista italiano. Tosi ha potuto vederla, con grande soddisfazione: poi mancato lo scorso 10 agosto, allet di 92 anni.

I quattro vestiti esposti, due maschili e due femminili, attengono ai laboratori di Tosi dedicati al Seicento: due sono databili al 1640, due al 1690. importante sottolineare che non si tratta di costumi visti al cinema: con i suoi assistenti e i suoi allievi, Tosi realizzava in quei seminari degli abiti ispirati a determinate epoche storiche, a fine esclusivamente didattico. Vederli dal vero unoccasione irripetibile. I quattro abiti si riferiscono ai laboratori del 2009 e del 2010; sono stati realizzati da Luca Costigliolo con la collaborazione di Federica Vassallo (2009) e Sabrina Salvitti (2010), e degli allievi di quegli anni. Per entrambe le annualit il tutor del corso di Costume era Giovanna Arena.

15/10/2019, 16:18