FilmdiPeso - Short Film Festival

CETTO C'E' SENZADUBBIAMENTE - Il terzo capitolo


Arriva in sala Vision Distribution il nuovo film con Antonio Albanese diretto da Giulio Manfredonia. Con Nicola Rignanese, Caterina Shulha e Gianfelice Imparato


CETTO C'E' SENZADUBBIAMENTE - Il terzo capitolo
"Cetto c' Senzadubbiamente" di Giulio Manfredonia
Fatica non poco Antonio Albanese a portare sulle spalle il peso del suo nuovo film. Una base fragile quella offerta dalla sceneggiatura scritta dallo stesso Albanese con Piero Guerrera, su cui poggia un film che la regia di Giulio Manfredonia non riesce a smuovere dal torpore della prevedibilit.

Il politicamente scorretto di Cetto, che tanto scosse il pubblico nel 2011 e 2012 con i primi due capitoli della trilogia, strappando risate e creando divertenti tormentoni, ormai sembra avere le unghie spuntate e giusto qualche trovata riesce a far sorridere amaro e riflettere sul personaggio, ancora una volta esemplare non unico della peggior italianit.

Le donne, il potere, il denaro, la considerazione del prossimo fanno di Cetto qualcosa di pi del peggior elemento in circolazione, un personaggio che dovremmo detestare a tal punto da sorriderne se calato, come nel primo "Qualunquemente", in un contesto realistico alle prese con una normalit affrontata senza il minimo rispetto.
In "Cetto c Senzadubbiamente" latmosfera si trasforma immediatamente in grottesca, con la favola che prende il posto della cronaca e non riesce mai a convincere lo spettatore e a coinvolgerlo nella situazione.

Cetto, ipotetico erede al trono del Regno delle Due Sicilie, fa di tutto per non essere credibile anche se immerso forzatamente in un ambiente non suo, il che potrebbe fornire decine di spunti divertenti e curiosi, mentre la storia si sposta da satira sociale a favola mal costruita e i personaggi, che appaiono e scompaiono troppo facilmente, diventano macchiette che poco aggiungono al racconto.

21/11/2019, 21:03

Natalia Giunti