Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

IL MIO CORPO VI SEPPELLIRA' - Donne e azione nell'Italia dell'800


Le brigantesse pulp in un western risorgimentale. Arriva sulle principali piattaforme streaming il secondo film di Giovanni La Pàrola. Con Miriam Dalmazio, Antonia Truppo, Margareth Madè, Rita Abela, Giovanni Calcagno e Guido Caprino. Una produzione Cinemaundici e Ascent Film con Rai Cinema.


IL MIO CORPO VI SEPPELLIRA' - Donne e azione nell'Italia dell'800
"Il mio corpo vi seppellirà" di G. La Pàrola

Nel 1860 nel Regno delle due Sicilie, all’alba dello sbarco delle truppe garibaldine che hanno sconfitto l’esercito di Francesco II di Borbone e consegnato il regno a Vittorio Emanuele II, un gruppo di brigantesse chiamate le "Drude" combattono con fierezza ed efferatezza contro i piemontesi e la Guardia Nazionale, ribellandosi all’esproprio delle terre.

Tra realtà e finzione Giovanni La Pàrola, che ha scritto il film con Alessia Lepore, dirige un western risorgimentale avvincente e puntuale che racconta in maniera inedita il brigantaggio nel Regno delle due Sicilie, qui tutto al femminile, con delle protagoniste che non hanno niente da invidiare alle eroine americane, le “Drude” “brutte, sporche e cattive”, ognuna con la propria arma, ognuna che cerca la propria vendetta personale, fiere e impavide contro i potenti : Lucia, sfigurata da un uomo, abile con il fucile, Ciccilla, in passato vittima di indicibili violenze, colleziona “pendenti maschili”, Maria, compagna del famoso brigante Nino Nanco del quale non ha più traccia, e Errè, salvata per miracolo da un sarto errante, traumatizzata da un evento che non riesce a ricordare.

Miriam Dalmazio, Antonia Truppo, Margareth Madè e Rita Abela sono delle convincenti brigantesse, simboli della lotta epica dei briganti in un’epoca nella quale i poveri e gli ultimi non avevano diritti ma solo doveri e ordini da rispettare, pena la morte. Le figure dei briganti quindi nel film di La Pàrola sono nuovamente circondati da quell’aura eroica e temibile che li ha sempre contraddistinti aggiungendo anche un messaggio, una rivendicazione femminista che non ha epoca.

"Il mio corpo vi seppellirà", infatti, omaggia Sergio Leone nelle atmosfere e cita Quentin Tarantino nei momenti pulp, nelle sparatorie, nelle scene d’azione, nei dialoghi scorretti e dotati di una fine ironia e nel delineare i caratteri e l’aspetto iconico delle Drude, un revenge movie al femminile che non risparmia colpi di scena con due villain clamorosi: Guido Caprino e Giovanni Calcagno, rispettivamente il sadico colonnello sabaudo e un ex borbonico venduto a Vittorio Emanuele II che si diletta a fotografare i cadaveri dei briganti uccisi per avere dei cimeli da collezionare.

Una bellissima sorpresa nel panorama dei film italiani in streaming, un film di genere curato nei minimi dettagli, scritto e diretto con maestria come non se ne vedevano da tempo. Disponibile su Chili, Amazon, Google Play, Apple iTunes, Rakuten Tv, Timvision, Infinity.

24/03/2021, 16:57

Caterina Sabato