CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 16 - "L'Arminuta" in selezione ufficiale


Sarà in sala dal 21 ottobre il film diretto da Giuseppe Bonito e tratto dal romanzo omonimo scritto da Donantella Di Pietrantonio. La storia di una ragazzina che viene riconsegnata ai genitori naturali nella campagna abruzzese degli anni 70. Con Sofia Fiore, Carlotta De Leonardis e Vanessa Scalera, Fabrizio Ferracane, Elena Lietti. Prodotto da Baires con Rai Cinema e distribuito da Lucky Red


FESTA DEL CINEMA DI ROMA 16 -
Sofia Fiore e Carlotta De Leonardis
Unico italiano in Selezione ufficiale, il film di Giuseppe Bonito meritava sicuramente un Concorso. E qualcosa avrebbe vinto. Arriva dal romanzo di Donatella Di Pietarntonio che ha curato anche soggetto e sceneggiatura insieme a Monica Zapelli e racconta un’Italia rurale, ancora antica, della metà degli anni 70 ed è la storia di una ragazzina di 13 anni che, dopo un’infanzia agiata nella casa di Pescara, viene riconsegnata di forza alla famiglia naturale, che lei non immaginava fosse la sua, senza sapere il vero motivo.

I veri genitori con 5 fratelli vivono in una campagna povera dove il sacrificio è ancora l’unico modo per andare avanti. E L’arminuta (la rivenuta in dialetto abruzzese) si trova catapultata in un mondo completamente nuovo, invivibile che non fa che alimentare la sua angoscia per l’abbandono.

Il legame stretto con la sorella più piccola Adriana, sveglissima e già responsabile a 10 anni, e uno strano rapporto con il fratello più grande, sono gli unici bagliori di sentimento ad illuminare un’esistenza fatta di risentimento e di rassegnazione dove mai un complimento, un saluto o un abbraccio fanno parte dei rapporti tra i membri della famiglia e la freddezza supera spesso il limite della malvagità.
L’arminuta, con la sua ostinazione nel voler comprendere e cambiare le cose, è colei che risveglia un briciolo di umanità nei membri della famiglia riportando un po’ di luce in un’esistenza che si trascinava immersa nel buio.

La regia di Giuseppe Bonito è precisa e coglie nel segno, creando gli spazi e camminando sulla strada che porta all’emozione giusta. Anche il cast è di estrema qualità e scelto con cura: Sofia Fiore (l’arminuta) e Carlotta De Leonardis (Adriana) sono un’autentica rivelazione per la misura, la gestualità e l’intonazione da attrici professioniste. Solo conferme positive per gli adulti, nuovi ma affermati interpreti del nostro cinema come Vanessa Scalera, disperata madre, Fabrizio Ferracane, padre silenzioso e pieno di rancore, violento (per abitudini) ma non cattivo, ed Elena Lietti fredda e distratta madre irrealizzata in ogni aspetto della sua vita.

16/10/2021, 09:11

Stefano Amadio