I Viaggi Di Roby

TORINO FILM FESTIVAL 39 - Intervista ad Antonaroli e Martino


Il regista Riccardo Antonaroli e la protagonista femminile Ludovica Martino presentano "La svolta", fuori concorso al TFF


TORINO FILM FESTIVAL 39 - Intervista ad Antonaroli e Martino
L'opera prima di Riccardo Antonaroli, “La svolta”, è stata presentata fuori concorso al Torino Film Festival numero 39

Riccardo Antonaroli, il film è stato definito un road movie da fermo.
«Sì, e devo dire che è una definizione perfetta per questa storia di amicizia di due ragazzi, di crescita. Il film è un omaggio a molti titoli della storia del cinema che amo, in particolare a Il Sorpasso. Mi sono fidato molto dei miei protagonisti, Brando Pacitto e Andrea Lattanzi, ho seguito il flusso».

Cosa l'ha convinta del copione?
«Era scritto benissimo, non c'era una sola riga da cambiare. So che spesso si rifiuta di girare film scritti da altri, anche io ho dei miei copioni che spero di poter dirigere prima o poi, ma in questo caso non ho avuto dubbi e ammetto che questo film ha anche cambiato un po' quello che vorrò fare in futuro, mi piace questo genere. Marcello Fonte? E' geniale e imprevedibile, ha anche improvvisato molto sul set».

Ludovica Martino, cosa l'ha conquistata di questo ruolo?
«Ammetto che già leggendo la sceneggiatura mi sono appassionata: mi hanno proposto questo film assicurandomi che era bellissimo, ho letto il copione in una sera, in camera mia, e alla fine avevo gli occhi lucidi, davvero. Sono molto felice di poter raccontare una storia così bella, è il motivo vero per cui facciamo questo lavoro, in fondo. A prescindere da quella che sarebbe stata la mia parte, ci tenevo a fare parte del progetto e per questo devo ringraziare il regista e la produzione».

Il suo personaggio nel film è molto cinefilo: e lei?
«Anche io, molto! Nel film sto addirittura scrivendo una tesi sul cinema italiano classico, io nella vita invece ho fatto altri studi, sono laureata in interpretariato e traduzione, che non c'entra niente con il mio percorso successivo. Sono molto appassionata come spettatrice, anche se sono autodidatta. Ho studiato recitazione, ma mai la storia del cinema».

Dopo questi giorni al Torino Film Festival che cosa l'aspetta?
«Sto finendo di girare la quinta e ultima stagione di Skam Italia, dovremmo terminare le riprese il 24 dicembre e si potrà vedere nei prossimi mesi. Per il 2022 poi sto valutando diverse possibilità, ho ricevuto qualche offerta su cui sto ragionando, è ancora presto per dire qualcosa però».

02/12/2021, 20:42

Carlo Griseri