I Viaggi Di Roby

BARDOLINO FILM FESTIVAL 2 - I vincitori


BARDOLINO FILM FESTIVAL 2 - I vincitori
Si chiude con un grande successo la seconda edizione di Bardolino Film Festival – Immagini, suoni e parole sull’acqua, che dal 15 al 19 giugno 2022 ha portato i colori del cinema nella splendida località sulle rive del lago di Garda.

Il festival diretto da Franco Dassisti, organizzato e sostenuto dal Comune di Bardolino, ha saputo declinare e raccontare tutte le sfaccettature del tema Figli della terra attraverso le proiezioni, i talk con gli ospiti e gli incontri letterari.

“Sono soddisfatto del grande successo di questa seconda edizione che ha visto aumentare il pubblico, la qualità della proposta cinematografica, la popolarità dei personaggi intervenuti alle serate e la considerazione dei media. E sono anche fortemente convinto che il festival debba diventare sempre più un vanto per questa splendida città” dichiara con orgoglio Franco Dassisti, Direttore artistico del BFF.

Le location dell’Arena Mirabello e di Villa Carrara Bottagisio sono state due cornici perfette per ospitare le tante eccellenze del nostro cinema che il BFF ha voluto premiare e omaggiare, da Milena Vukotic a Pierfrancesco Favino, da Mario Martone a Cristiana Dell’Anna, da Barbara Ronchi a Rosa Palasciano e Ciro De Caro.

“Come tutte le novità, la prima edizione del Bardolino Film Festival aveva suscitato grande curiosità. Questa seconda edizione era invece una sfida che con orgoglio possiamo dire di aver vinto. Ce lo dimostra la grande partecipazione del pubblico in queste cinque giornate alle proiezioni e ai talk, ed è la riconferma di un progetto vincente apprezzato dal territorio che ne è parte integrante”. Così commenta Nica Currò, Assessore alla Cultura del Comune di Bardolino “Abbiamo avuto degli ospiti eccellenti, tra cui Pierfrancesco Favino che ha regalato alla città una serata sfavillante. Anche grazie a loro Bardolino si conferma una cittadina importante non solo per le sue bellezze, ma anche da un punto di vista culturale. Per noi la cultura è un valore ed anche una risorsa e crediamo che la notorietà che sta avendo questa seconda edizione, anche fuori dai confini regionali, possa diventare sempre di più veicolo di messaggi culturali e promozione territoriale”.

Calorosa la reazione del pubblico di Bardolino che affollato le proiezioni serali con ospiti, ma che ha anche seguito con passione e interesse le proiezioni dei due concorsi cinematografici e gli aperitivi letterari.

Una seconda edizione che si conferma quindi una scommessa vinta, grazie ad una selezione cinematografica di qualità e ad un parterre di ospiti che hanno illuminato la città, oltre che ad una partecipazione che ha dimostrato la voglia di tornare ad esserci, di vivere gli eventi come comunità, di riscoprire il piacere del cinema sul grande schermo.

PALMARES

La giuria del Concorso Documentari composta da Francesco Bruni (presidente), Raffaella Lebboroni e Irene Bruni, ha assegnato i seguenti premi:

PREMIO BFF DOC 2022 del valore di 1.000 euro
a Rue Garibaldi di Federico Francioni
Per la capacità dimostrata nel renderci partecipi dei desideri e delle aspettative dei giovani protagonisti, raccontando con sensibilità il loro attaccamento alle radici ma al contempo il bisogno di metterne altre. La nostalgia dei due protagonisti diventa anche nostra, divisi tra il passato conosciuto e un futuro pieno di interrogativi. Il documentario ci coinvolge e ci commuove, nel raccontare la ricerca di un punto fermo, un centro di gravità permanente, sopra ad una terra sempre più in movimento.

MENZIONE SPECIALE a La carovana bianca
di Artemide Alfieri e Angelo Cretella
Per averci fatto conoscere la storia di chi avendo sempre vissuto in movimento, si trova costretto a fermarsi. Una vita nomade scelta con passione, che si trova a fare i conti con i cambiamenti profondi innescati da un evento non prevedibile, come la pandemia che ci ha travolti. Tra generazioni diverse e a volte divise, terre geografiche e terre immaginarie, si tratta di un riuscito ritratto di un mondo affascinante e misterioso, la magia del circo e dei suoi protagonisti, visto da dietro le quinte.

La giuria del Concorso Cortometraggi composta da Paolo Sassanelli (Presidente), Daphne Scoccia e Alessandro Giorgio ha assegnato:

PREMIO BFF SHORT 2022 del valore di 500 euro
a Shero di Claudio Casale
Pulito, essenziale, senza alcuna retorica, utilizzato formati e generi diversi, il film esalta la grandezza dell’essere umano. Una grandezza che nasce dall’orrore. Nella reazione, la capacità di Shabnam di trasformare la più atroce delle sofferenze in un riscatto condiviso, collettivo, diventando un modello, c’è l’autentico e nobile senso della Bellezza. È una storia che non poteva essere raccontata con la stessa efficacia utilizzando altri mezzi. Le montagne russe di umori e sentimenti che attraversano lo spettatore sono la migliore dimostrazione della capacità di sintesi a cui si può ambire sfruttando a pieno il mezzo, il linguaggio.

MENZIONE SPECIALE a Rita Abela per Big di Daniele Pini
Big e Rita Abela hanno la particolarità propria solo degli incontri unici: il film non sarebbe così bello senza di lei, lei non avrebbe trovato senza Pini e una scrittura essenziale questa storia di emancipazione che unisce grazia e violenza e una prova d’attore potentissima. Un po’ fumetto, un po’ art movie, Big ha nella sua attrice il cardine di un racconto che ha il suo sguardo affilato, il suo dolore rarefatto, una giocosamente nera voglia di rinascere. Poche interpreti possono davvero coprire gli spettri espressivi che lei ci offre in neanche 15 minuti, ancora meno possono mantenere grazia e dolcezza in una favola così irresistibilmente bastarda.


Sono inoltre stati attribuiti:

PREMIO SCUOLA ITALIANA STRATEGIC DESIGN DELL’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI VERONA
Il premio per la categoria documentari va a Addio Dolce casa mia di Ciro Scuotto
Un film crudo ma allo stesso tempo commovente ed emozionante, una grande regia che trasforma un luogo conosciuto prettamente per la sua criminalità in un luogo fatto di amore, affetti, voglia di ripartenza e, soprattutto, di riscatto. Da sottolineare l’ottima narrazione associata al pregevole livello di riprese.

La giuria ha inoltre assegnato una menzione speciale al documentario Earth: muted di Mikael Kristersson, Åsa Ekman e Oscar Hedin.
Un’opera di attualità che colpisce dritta alla coscienza di tutti noi sul tema della sostenibilità ambientale. Una fotografia eccellente corona l’opera nella sua complessità.

Il Premio Scuola Italian Strategic Design dell’Accademia di Belle Arti di Verona per la categoria cortometraggi va a Natìa di Roberta Spagnuolo.
Natìa è un cortometraggio che unisce in maniera sottile e invisibile la vita di due bambini. La narrazione e le riprese sono realizzate in modo semplice ma d’impatto come se lo spettatore fosse immerso nella storia, emozionante, coinvolgente e commovente.

La Giuria ha inoltre assegnato una menzione speciale al corto Lili alone di Zou Jing.
Una storia straziante con delle tematiche molto forti e purtroppo attuali, che vede protagonista una donna, che per necessità e amore verso la propria famiglia, pone il loro benessere davanti al proprio. Il messaggio di questa storia penetra nello sguardo dello spettatore che, fino alla fine, rimane sensibilizzato dalla storia. Il tutto enfatizzato da attimi di silenzio in sottofondo e da una relativa lentezza della narrazione, che provoca quasi un senso di angoscia.

GREEN PLANET MOVIE AWARD - Bardolino 2022
La giuria composta da Elisabetta Gallina, Massimo Tomagnini, Renato Cremonesi ha decretato come vincitore del premio il film L’altra terra Daniele Pignatelli
Il regista Daniele Pignatelli, con semplicità e limpidezza ha saputo mettere in evidenza, come il legame ancestrale con la propria terra, riemerga dentro di noi nel corso della vita e influenzi le nostre scelte di ogni giorno.

20/06/2022, 08:00