!Xš‚‰

Note di regia di "Il Diavolo e' Dragan Cygan"


Note di regia di
"Il Diavolo e' Dragan Cygan" è una storia di amicizia e vendetta, il racconto corale di quattro personaggi agli antipodi: un ex-rapinatore, un operaio, un poliziotto e un capitano d’industria, i cui destini apparentemente paralleli s’incroceranno gradualmente in modo irreparabile verso un finale tragico e inatteso. Il grigiore di una tipica città industriale d’Occidente e il disagio sociale della crisi economica fanno da sfondo alle loro vicende. Il dolore per un’amicizia spezzata da una morte insensata mina nel profondo la coscienza del rapinatore redento Dragan. A cavallo tra il thriller e il poliziesco, il progetto, attraverso un ritmo frenetico (fatto di scene d’azione, flashback e montaggio parallelo) alternato a pause più riflessive e intimiste, mira a rendere appetibile anche per un pubblico meno impegnato, un film di genere drammatico che affronta temi sociali tipici di un certo cinema d’autore (Ken Loach, Elio Petri). È questa l’utopia intrinseca del progetto: un pretesto per avvicinare le masse a temi solitamente avversi al loro gusto, tentando di far riflettere intrattenendo. Un tentativo ambizioso di ibridazione tra film di genere e cinema d’autore.

Emiliano Locatelli