Meno di 30
I Viaggi di Robi
locandina di "Schiavi di Riserva"

Schiavi di Riserva


Regia: Michelangelo Severgnini
Anno di produzione: 2018
Durata: 35'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: DCP, colore
Titolo originale: Schiavi di Riserva
Altri titoli: Reserve Slaves

Sinossi: "In Libia, la schiavitý Ť stata ripristinata. L'Europa l'ha provocata, l'ha permessa e ne trae beneficio. In caso di necessitŗ, l'UE ha i propri schiavi di riserva appena oltremare".
Questo Ť il messaggio consegnatoci da 3 ragazzi africani appena sbarcati in Sicilia, dopo aver attraversato il deserto e il mare e soprattutto dopo essere stati usati come schiavi in Libia. La situazione sul terreno, fuori controllo e gestita da diverse bande armate locali, e la mancanza di un governo riconosciuto creano le condizioni perchť la schiavitý sia comunemente accettata, diventando una parte reggente del sistema produttivo libico.
Tuttavia, qual Ť il ruolo dell'UE in questo inferno?
L'Italia ha finanziato le milizie libiche e i centri penitenziari (in realtŗ colonie di schiavi) con milioni di euro per combattere l'immigrazione.
L'Italia ha venduto armi all'Arabia Saudita (500 milioni di euro negli ultimi 2 anni), ora finite nelle mani dei gruppi armati africani di Libia, Niger e Mali. L'Italia ha ora dispiegato 500 soldati italiani in Niger per opporsi a queste bande.
L'Italia ha pagato la piý grande tangente della storia (oltre 1 miliardo di euro pagati nel 2011 dall'ENI) agli allora primo ministro nigeriano e ministro del petrolio nigeriano per assicurarsi lo sfruttamento di un'area al largo della Nigeria.
» un paradigma condiviso? Ci stiamo preparando ad accettare la schiavitý in tutto il mondo?

Sito Web: https://www.facebook.com/Reserve-slaves-1761965...

Ambientazione: Pozzallo

  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto