CINECITTĀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby
locandina di "Un Illustre Conosciuto - Guglielmo Massaja"

Cast

Con:
Sergio Fiorentini (Guglielmo Massaja)

Soggetto:
Paolo Damosso

Sceneggiatura:
Paolo Damosso

Musiche:
Pietro Giola

Montaggio:
Juan Carlos Gnocchini

Fotografia:
Liborio Labbate

Aiuto regista:
Andrea Tomasetto

Produttore:
Paolo Pellegrini

Voce Narrante:
Lorena Bianchetti

Trucco:
Francesca Buffarello

Produttore Esecutivo:
Paolo Pellegrini

Un Illustre Conosciuto - Guglielmo Massaja


Director: Paolo Damosso
Year of production: 2009
Durata: 52'
Tipology: documentario
Genres: biografico/docufiction/storico
Country: Italia
Produzione: Nova-T, Provincia Cappuccina del Piemonte
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: DV, colore
Titolo originale: Un Illustre Conosciuto - Guglielmo Massaja

Storyline: Nel 2009 ricorre il bicentenario della nascita del Cardinale Guglielmo Massaia. Un piemontese che ha lasciato un'impronta fondamentale nella storia missionaria. Nato a Piovā d'Asti l'8 giugno 1809, diventa frate cappuccino nel 1826. Cappellano dell'Ospedale Mauriziano di Torino, č anche assistente spirituale di Vittorio Emanuele II, di San Giuseppe Benedetto Cottolengo e dello scrittore Silvio Pellico.
Nel 1846 il papa lo nomina Vicariuo Apostolico della popolazione dei Galla, in Etiopia. Lė passerā, tra alterne vicende, 35 anni di missione. Attraversa otto volte il Mediterraneo e dodici volte il Mar Rosso. A questo si aggiungono i quattro viaggi in Terra Santa e i quattro esili. Non si possono contare gli innumerevoli rischi di morte, spesso inventando soluzioni originali e roccambolesche per risolvere problemi quasi insormontabili. Tutto questo nel cuore dell'ottocento, senza particolari appoggi, quando la parola Africa conserva un alone di mistero, quasi fosse un'altro pianeta. Scrive il primo catechismo in lingua Galla e, parallelamente, cura in prima persona malattie endemiche come il vaiolo, tanto da essere nominato Padre del Fantatā (Signore del Vaiolo). Oltre ad essere un missionario č medico, chirurgo, ingegnere e diplomatico.
Torna in Italia nel 1879, esiliato dall'Imperatore Johannes IV. Papa Leone XIII lo promuove prima Arcivescovo e poi Cardinale nel 1884. Della sua vita si conosce moltissimo. Questo grazie a lui, che in tarda etā, rientrato in Italia, sempre su invito del papa, scrive le memorie della sua vita. Un manoscritto di poco meno di quattromila pagine, che rappresenta, in modo preciso, una vita da film. Infatti, negli anni trenta, per la precisione nel 1939, al Festival di Venezia vince il Leone d'Oro una pellicola dal titolo Abuna Messias. Un vero e proprio kolossal promosso dal regime fascista che intende utilizzare questa figura come simbolo per le conquiste imperiali del Duce. Dirige il film Goffredo Alessandrini. Uomo fedelissimo di Mussolini, regista di numerosi lungometraggi simbolo del ventennio (uno fra tutti Luciano Serra pilota, con protagonista Amedeo Nazzari). Cinecittā per l'occasione si mobilita in una produzione che vuole stupire anche per i numeri. 250.000 comparse. 500 metri cubi di legname per le costruzioni. 50.000 metri di negativo di pellicola impressionata e molto altro, a testimonianza di un'operazione faraonica che, per l'epoca, vuole stupire il mondo e imporre il cinema italiano all'attenzione della produzione mondiale. La San Paolo č capofila del progetto.

Sito Web: http://www.cardinalmassaja.it/massaja/CMpro-v-p...

"Un Illustre Conosciuto - Guglielmo Massaja" č stato sostenuto da:
Regione Piemonte
Film Commission Torino Piemonte
Piemonte Doc Film Fund ( Sviluppo Settembre 2007 - Produzione Dicembre 2008)


  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto

Notizie