Meno di 30
I Viaggi di Robi

"Faccio un salto all'Avana", una cartolina (con musica) da Cuba


Enrico Brignano e Francesco Pannofino protagonisti del film "mainstream" di Dario Baldi.


"Faccio un salto all'Avana" il primo film mainstream di Dario Baldi, un passato nel documentario musicale, con la coppia di "fratelli coltelli" composta da Enrico Brignano e Francesco Pannofino.

Il film una commedia neanche troppo spiacevole, che scorre senza annoiare e diverte anche in alcuni momenti, ma che penalizzata da una cornice troppo "da cartolina" in cui i luoghi comuni regnano sovrani (difficile trovare una sola scena a Cuba in cui non siano presenti nell'inquadratura o una bottiglia di rum, o un sigaro o qualcuno che balla...).

Fedele (Brignano) parte alla volta di Cuba per recuperare il fratello Vittorio (Pannofino), creduto suicida e invece fuggito dalla moglie e dalla ingombrante figura del suocero. Ad aiutarlo nella ricerca la bella Alma (Cossio), che inspiegabilmente (Brignano non ce ne vorr...) si innamora subito di lui. Tra equivoci, piccole truffe e liti di famiglia, i due fratelli si ritroveranno.

Brignano-Pannofino come coppia comica sono anche abbastanza credibili, con il primo che ha pi spazio per mostrare sfaccettature della sua interpretazione da timido-imbranato con tanto cuore e tanta ingenuit, mentre Pannofino nella sua parte da "simpatica canaglia" potenzialmente gigione al punto giusto ma sembra un po' penalizzato dalla sceneggiatura.

A brillare in tutto ci proprio Aurora Cossio, la loro bellissima co-protagonista: che l'attrice italo-colombiana fosse bella era chiaro, ma in questo film ha spazio per mostrarsi anche come ballerina e cantante di discreto talento. Un'attrice (al suo secondo film importante) di cui sentiremo ancora parlare.

22/04/2011, 18:19

Carlo Griseri