I viaggi di Roby

ACAB - Are Cops All Bastards?


Fino a che punto "Tutti i poliziotti sono bastardi"? Stefano Sollima, gi regista del televisivo "Romanzo Criminale", racconta le vicende di un gruppo di celerini che non riesce a fare a meno di portarsi a casa il lavoro. Colonna sonora che sostiene l'azione anche grazie all'inserimento di alcuni brani storici. Tratto dal libro omonimo di Carlo Bonini, sar in sala da venerd 27 con 01 Distribution.


ACAB - Are Cops All Bastards?
Nigro, Giallini, Favino: "ACAB"
Si deve essere irreprensibili al 100% per fare i poliziotti? Si dovrebbe, ma molto difficile. E dire stop, quando le cose vanno oltre, giustificato e da elogiare.
"ACAB, All Cops Are Bastards" racconta la storia di un pugno di celerini, i poliziotti del reparto "Celere" che fanno ordine pubblico, e della spirale di violenza in cui per loro stessa natura vanno a piombare. Affronti e vendette, violenze gratuite e operazioni di pulizia, il tutto ambientato in un mondo a parte, in cui il normale cittadino guarda con gli occhi sgranati lasciando cadere dalle mani le borse della spesa.

Una violenza che sembra gratuita, immotivata, aggravata dai futili motivi, scatenata per soddisfare una fame di protesta generata dall'insoddisfazione quotidiana. Una sfera fatta di soli uomini, incattiviti da una vita negativa che non migliora certo grazie all'ignoranza e ai falsi miti come "'a Roma", "l'italianit" o "er Duce".

Stefano Sollima debutta al cinema con un film non facile, ma ci riesce con mestiere senza contaminare il lavoro con la sua esperienza televisiva. Il film non scende mai di tono e riesce nell'intento di far condividere allo spettatore le motivazioni di alcuni gesti, bloccando poi la condivisione al momento della soluzione violenta. Nei momenti difficili facile essere giustizieri della notte e trovare appoggi nella gente che non ne pu pi. Il pregio di ACAB proprio quello di farci chiedere dove la linea che divide il giusto dallo sbagliato e il diritto dall'abuso. Affidarsi allo Stato, che per lo stesso soggetto che ti ha messo nella situazione disperata, o farsi giustizia da soli; una goccia nel mare, certo, ma almeno qualcosa. Qualcosa di pericoloso per, che sicuramente degenera fino a conseguenze estreme.

Il film nel complesso funziona nella storia, nel racconto e nelle scene d'azione, ricostruite spesso nei veri luoghi degli scontri, girate nel modo giusto e con i dialoghi che risultano credibili anche quando sale la concitazione.

Gli interpreti confermano di essere tra i migliori della loro generazione; Pierfrancesco Favino, Filippo Nigro, Marco Giallini e Domenico Diele sono il gruppo di "celerini" dalla doppia vita violenta.

Notevole anche la colonna sonora curata da Mokadelic e arricchita da qualche pezzo culto: All Cops are bastards dei 4 skins, Snow dei Chemical brothers, e poi Police on my back dei Clash e Seven Nation Army dei White Stripes, il cui giro di basso ha fatto da colonna sonora del mondiale 2006 e continua ad essere la base musicale dei cori da stadio di tutto il mondo.

23/01/2012, 13:53

Stefano Amadio