FilmdiPeso - Short Film Festival

UNO AL GIORNO - Il cinema secondo Greepeace


Il cinema italiano diventa Green: Haber, Calopresti e i Subsonica per il corto di GreenPeace


UNO AL GIORNO - Il cinema secondo Greepeace
Sul set di "Uno a giorno"
La regia di Mimmo Calopresti; il direttore della fotografia Paolo Ferrari; il cast composto da Alessandro Haber, Paolo Briguglia, Pino Quartullo e Sandra Ceccarelli; la musica dei Subsonica; l'idea e la produzione di Greenpeace.

"Uno al giorno", questo il titolo del corto, incentrato sui danni ambientali e alla salute delle centrali a carbone di Enel. Una commedia italiana che vira al noir, per educare e far riflettere. I protagonisti del progetto, che hanno collaborato gratuitamente, hanno spiegato le ragioni della loro scelta.

"Ho aderito con piacere a questa nuova campagna di Greenpeace perch ormai da molti anni faccio tutto il possibile per sensibilizzare al tema del rispetto dell'ambiente e di conseguenza a quello delle energie rinnovabili" ha detto Paolo Briguglia.

"Ammiro immensamente chi affronta in prima persona battaglie apparentemente invincibili perch condotte contro avversari troppo potenti. Per questo non ho esitato quando mi stato proposto questo cortometraggio di denuncia. Oggi mi sento di aver dato un contributo personale alla causa ambientale, che fa parte del mio lavoro e della mia vita", gli ha fatto eco Sandra Ceccarelli.

"Cosa pensano gli italiani sentendo nominare il carbone? In genere pi alla Befana che alla produzione di elettricit. La sfida che ho abbracciato con Greenpeace proprio questa: raccontare agli italiani cosa sia realmente quel combustibile fossile, quali danni arrechi alla salute umana, al clima, alla nostra economia" ha aggiunto infine Mimmo Calopresti.

Gloriana Giammartino

09/11/2012, 09:00