Meno di 30
I Viaggi di Robi

VENEZIA 70 - "L'intrepido" di Gianni Amelio


Con Antonio Albanese, il secondo film italiano presentato in Concorso alla Mostra. Il lavoro come centro di una vita che pu non condurre a nulla. In sala da gioved 5 in oltre 200 copie.


VENEZIA 70 -
Antonio Albanese "L'Intrepido" di Gianni Amelio (foto Claudio Iannone)
Antonio Pane corre da un lavoretto all'altro. Potrebbe avere delle possibilit, abile, istruito, ama lavorare ma evidentemente non il contorno; i capi, i responsabili, il salario ormai deformati e inquinati, mai privi di aspetti loschi e insopportabili.

La storia di Gianni Amelio, scritta con Davide Lantieri, segue la vita di un uomo, dei suoi mille lavori da "rimpiazzo", dei rapporti con il figlio sassofonista e con una ragazza insoddisfatta e non troppo sincera. Ma a legare il cammino del personaggio interpretato da Albanese, non c' una storia ben precisa, un pretesto magari, capace di segnare la strada allo spettatore. indubbio che si riconosce una simpatia per lui, ma dopo alcune ripetitivit e una certa retorica sugli argomenti che si vogliono denunciare, non difficile perdere il filo in attesa dell'evento che faccia da traino agli argomenti e ai personaggi.

Senza una storia ben definita le battute, unico mezzo per dimostrare la tesi, sembrano sentenze, pronunciate con nessun indugio da persone che non mostrano alcuna ombra di dubbio, incapaci di spiazzare con qualche deviazione dettata da umana insicurezza.

Albanese funziona nei panni del protagonista, conservando la giusta misura malgrado il suo personaggio potrebbe facilmente fargliela perdere. I due giovani, Gabriele Rendina (il figlio) e Livia Rossi (l'amica), appaiono teatrali e accademici ma non privi di potenzialit.

"L'intrepido" sembra essere un'analisi sulla sopravvalutazione del lavoro e le conseguenze che questo ha sulle nostre vite. Messaggio in fondo condivisibile ma che non coglie appieno il centro del bersaglio cinematografico.

04/09/2013, 11:55

Stefano Amadio