Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

IL RACCONTO DEI RACCONTI - Le tre favole di Matteo Garrone


In Concorso al prossimo festival di Cannes, Tale of tales il nuovo film di Matteo Garrone che esce dal realismo per entrare nel mondo delle fiabe. Salma Hayek, Vincent Cassel, Toby Jones, John C. Reilly. Un cast internazionale e un'ambientazione ricca e affascinante ne fanno un prodotto italiano di alta qualit. Distribuito da 01 sar in sala gioved prossimo in oltre 400 copie


IL RACCONTO DEI RACCONTI - Le tre favole di Matteo Garrone
Stacy Martin in "Il Racconto dei Racconti" di M. Garrone
Tratto da tre racconti del "Lo Cunto de li Cunti", raccolta di fiabe scritte dal napoletano Giambattista Basile alla fine del 1500, il film di Matteo Garrone alza non di poco il livello dei suoi lavori. Dalla ricerca del realismo spinto, dei vicoli e delle periferie viste con la macchina a mano, il regista di "Gomorra" si sposta nel mondo fantastico ed elevato delle fiabe, dove i protagonisti sono re e regine, castelli e boschi ma anche draghi, orchi e saltimbanchi.

Una messa in scena accurata, arricchita da costumi, scenografie e ambienti dal vivo di assoluta bellezza, accoglie le storie narrate con stile sottilissimo; una traccia di ironia (molto british), un velo di morale (molto cattolica) si fanno sentire lungo tutto il percorso senza mai essere invadenti o determinanti.
Forse questo l'unico limite del film, mai noioso ma che spesso tende a rallentare il ritmo dove il cinema di genere che va per la maggiore, ci ha abituati ad accelerazioni e colpi di scena.

Il cast internazionale sicuramente la marcia in pi del film, con gli attori britannici come Toby Jones e Bebe Cave in testa, ma anche statunitensi come John C. Reilly, l'"americana" Salma Hayek, e il francese Vincent Cassel. Gli interpreti principali di casa nostra sono Massimo Ceccherini e Alba Rohrwacher che fanno del loro meglio nel ruolo secondario dei saltimbanchi.

"Abbiamo scelto l'inglese come lingua del film - dice Matteo Garrone - perch il modo migliore di restituire "Lo Cunto de li Cunti" al pubblico pi vasto possibile. La fantasia della favola supera ogni confine e Basile in questo davvero un autore universale. L'uso dell'inglese permette di non localizzare in maniera immediata i paesaggi che fanno da sfondo al racconto, e di non dover inchiodare a uno specifico colore dialettale i suoi personaggi".

08/05/2015, 17:45

Stefano Amadio