Napoli Film Festival
I viaggi di Roby

LA TOP 100 DEGLI ITALIANI AL BOX OFFICE - Stravince Checco Zalone


Rispetto allo scorso anno si è passati dai circa 130 milioni di incasso e 21 milioni di spettatori a circa 180 milioni di botteghino e 28 milioni di presenze. Con la cifra record di € 65.365.655 e 9.367.977 accessi in sala, "Quo Vado?" di Gennaro Nunziante rappresenta da solo un terzo dell'intero sistema italiano. Tra le prime 30 posizioni, 22 sono commedie. Bene Virzì, Mainetti e Tornatore, mentre "Fuocoammare" sfiora il milione di incasso.


LA TOP 100 DEGLI ITALIANI AL BOX OFFICE - Stravince Checco Zalone
A leggere le cifre fornite da Cinetel ci sarebbe da rallegrarsi, e anche molto.

Dall'1 gennaio al 31 dicembre del 2016 si è passati dai circa 130 milioni di incasso e 21 milioni di spettatori dell'anno precedente ai circa 180 milioni di botteghino e 28 milioni di presenze di quello appena terminato. Quando però poi ti accorgi che il solo "Quo Vado?" di Gennaro Nunziante ha incassato la cifra record di € 65.365.655, portando in sala 9.367.977 spettatori, si ritorna con i piedi per terra.

Sia chiaro, al di là delle 1500 copie con cui il film è uscito, se un italiano su sei ha scelto Checco Zalone e nel solo primo giorno di proiezione sono stati superati i 7 milioni di incasso, significa che il meccanismo è perfettamente oleato, la "maschera comica" funziona alla grande e il tutto può essere destinato ad un ulteriore incremento nel tempo. Quello che però fa venire qualche dubbio, volendo analizzare l'attuale stato del nostro cinema, è che il solo "Quo Vado?" rappresenta un terzo degli incassi e delle presenze di tutto il sistema italiano nel 2016.

L'unico altro film capace di andare in doppia cifra negli incassi è stato "Perfetti Sconosciuti" di Paolo Genovese, Miglior Film ai David di Donatello e Ciak d'Oro, Miglior Commedia ai Nastri d'Argento e al Globo d'oro, che ha totalizzato € 17.370.302 grazie ai 2.721.043 che lo hanno scelto in sala.

Anche se i numeri negli ultimi anni sembrano iniziare a calare, forse a causa della ripetitività di storie e personaggi, la commedia continua comunque a farla da padrona, e nelle prime 30 posizioni se ne possono individuare addirittura 22, da Verdone a De Sica, da Salemme alla Morante, passando per i cinepanettoni e i comici napoletani.

Nella Top10 le eccezioni rispetto alla commedia hanno dei nomi e delle storie ben precise, Paolo Virzì e Giuseppe Tornatore, cui si aggiunge Gabriele Mainetti.
Con il perfetto mix di dramma e umorismo, il regista livornese si è guadagnato la fiducia del pubblico che questa volta ha premiato il suo "La Pazza Gioia" con € 6.190.495 e 1.002.095 presenze, mentre il premio Oscar nativo di Bagheria è un punto fermo per i "cinephile", e con "La Corrispondenza" si piazza in decima posizione con un totale di € 3.289.161 e 544.084 accessi.
Ma la vera novità del 2016 è stato senza ombra di dubbio "Lo chiamavano Jeeg Robot" di Mainetti, supereroistico all'italiana che ha fatto innamorare la critica, ha fatto incetta di premi, ma ha soprattutto portato a cinema quella fascia di pubblico che la sala proprio non la conosce. All'interno dei € 5.082.495 di incasso e delle 796.357 presenze c'è un numero altissimo di giovani tra i 18 e i 35 anni, cresciuti a pane e fumetti, videogiochi, cartoni animati e serie tv, folgorati da un film che finalmente parlava il loro linguaggio.

E nella stessa direzione, quella del cinema di genere, vanno altri due interessanti casi, "Veloce come il Vento" di Matteo Rovere, in quindicesima posizione con € 2.237.441 e 411.610 presenze e la produzione internazionale con maestranze italiane "Mine" di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, ventottesimo con € 1.403.139 e 249.817 accessi.

La fascia che va dalla trentesima alla quarantesima posizione è invece popolata da un certo cinema d'autore che sta poco sopra al milione di incasso e ai duecentomila spettatori, vedi il "Fai bei Sogni" di Marco Bellocchio e "La Verità sta in Cielo" di Roberto Faenza. Unico documentario tra i primi 50 titoli della classifica è "Fuocoammare" di Gianfranco Rosi, che l'Orso d'Oro per il Miglior Film a Berlino ha trainato anche in sala facendo registrare un incasso di € 981.664 e 176.222 presenze.

La zona quaranta/cinquanta vale sia in termine di posizioni che di età degli autori che le popolano, da Ivan Cotroneo che ha portato il suo "Un Bacio" in lungo e in largo per le scuole d'Italia, totalizzando € 653.427 e 128.838 accessi a Ivano De Matteo con "La Vita Possibile", € 379.569 di incasso e 71.001 presenze, fino al "Tommaso" di Kim Rossi Stuart visto da 73.520 per un totale di € 376.837.

Dalla posizione numero 50 in poi tante sono le delusioni e altrettante le interessanti novità del cinema indipendente, tutte comunque sotto ai 300.000 € di guadagno e ai 50.000 spettatori. Non ha ad esempio rispettato le attese "Questi Giorni" di Giuseppe Piccioni, cinquantunesimo con € 265.426 e 47.069 accessi, mentre al posto numero cinquantasei si va a piazzare l'indie di Marco Segato "La Pelle dell'Orso" che ha totalizzato € 204.424 con 36.609 spettatori.

Nelle ultime trenta posizioni tanto cinema documentario, spesso bello e pluripremiato, ma che evidentemente deve ancora fare molta strada prima di potersi ritagliare la fiducia degli esercenti e la conseguente possibilità di essere visto, come il David di Donatello "S is for Stanley" di Alex Infascelli e il Premio Orizzonti a Venezia "Liberami" di Federica Di Giacomo, rispettivamente ai posti 78 e 79 della classifica con poco più di 20.000 € di incasso.

Dispiace leggere il nome del maestro iraniano Amir Naderi sull'ultimo gradino della Top100 Italiana, perchè il suo "Monte" è un'opera notevole all'interno del panorama dell'essai contemporaneo, e perchè sinceramente fa davvero strano vederlo posizionato sotto a titoli come "Li Sordi fa ji l'Acqua per Nenzù" di Gabriele Felici e "...Come una Rosa nell'Armadio" di Fulvio Bruno, con tutto il rispetto per le autoproduzioni.

Questa la Top100 completa stando ai dati Cinetel (TITOLO - INCASSO - PRESENZE)

1/10
QUO VADO? - € 65.365.655 - 9.367.977
PERFETTI SCONOSCIUTI - € 17.370.302 - 2.721.043
L'ABBIAMO FATTA GROSSA - € 7.691.657 - 1.221.341
LA PAZZA GIOIA - € 6.190.495 - 1.002.095
POVERI MA RICCHI - € 5.271.407 - 780.635
LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT - € 5.082.495 - 796.357
IN GUERRA PER AMORE - € 3.873.609 - 697.558
NATALE A LONDRA - DIO SALVI LA REGINA - € 3.779.919 - 572.637
NON C'E' PIU' RELIGIONE - € 3.569.314 - 644.491
LA CORRISPONDENZA - € 3.289.161 - 544.084
11/20
UN NATALE AL SUD - € 2.971.867 - 509.883
FUGA DA REUMA PARK - € 2.662.029 - 386.131
SE MI LASCI NON VALE - € 2.280.716 - 380.631
NON SI RUBA A CASA DEI LADRI - € 2.268.475 - 429.941
VELOCE COME IL VENTO - € 2.237.441 - 411.610
LA CENA DI NATALE - € 2.193.266 - 373.535
TIRAMISU' - € 2.094.562 - 331.285
QUALCOSA DI NUOVO - € 2.070.863 - 335.420
COME DIVENTARE GRANDI NONOSTANTE I GENITORI - € 1.974.568 - 314.086
FOREVER YOUNG - € 1.777.960 - 289.969
21/30
ASSOLO - € 1.708.750 - 270.254
CHE VUOI CHE SIA - € 1.697.917 - 328.560
VITA, CUORE, BATTITO - € 1.678.103 - 290.071
L'ESTATE ADDOSSO - € 1.598.309 - 303.657
UN PAESE QUASI PERFETTO - € 1.549.688 - 253.412
LE CONFESSIONI - € 1.506.545 - 247.227
TROPPO NAPOLETANO - € 1.500.262 - 282.018
MINE - € 1.403.139 - 249.817
I BABYSITTER - € 1.373.756 - 243.685
FAI BEI SOGNI - € 1.317.550 - 219.854
31/40
QUEL BRAVO RAGAZZO - € 1.306.340 - 208.945
LA VERITA' STA IN CIELO - € 1.227.732 - 234.026
ESCOBAR - € 1.192.495 - 201.202
AL POSTO TUO - € 1.146.602 - 204.172
NEMICHE PER LA PELLE - € 986.596 - 172.185
FUOCOAMMARE - € 981.664 - 176.222
MIAMI BEACH - € 782.572 - 120.577
CIAO BROTHER - € 771.297 - 190.766
ZETA: UNA STORIA HIP-HOP - € 715.206 - 106.168
7 MINUTI - € 668.056 - 128.958
41/50
UN BACIO - € 653.427 - 128.838
ONDA SU ONDA - € 639.599 - 106.389
PRIMA DI LUNEDI' - € 565.617 - 104.604
THE PILLS: SEMPRE MEGLIO CHE LAVORARE - € 557.273 - 83.201
LA COPPIA DEI CAMPIONI - € 413.205 - 66.033
ON AIR: STORIA DI UN SUCCESSO - € 394.440 - 59.127
LA VITA POSSIBILE - € 379.569 - 71.001
TOMMASO - € 376.837 - 73.520
INDIVISIBILI - € 369.068 - 67.813
PIUMA - € 351.957 - 58.641
51/60
QUESTI GIORNI - € 265.426 - 47.069
MY FATHER JACK - € 262.873 - 52.170
FIORE - € 261.811 - 45.880
MI RIFACCIO IL TRULLO - € 210.660 - 37.212
COME SALTANO I PESCI - € 205.784 - 39.738
LA PELLE DELL'ORSO - € 204.424 - 36.609
PERICLE IL NERO - € 170.787 - 29.417
MILIONARI - € 160.478 - 27.717
BIANCO DI BABBUDOIU - € 144.617 - 22.504
USTICA - € 120.557 - 19.419
61/70
GROTTO - € 113.158 - 18.697
LA STOFFA DEI SOGNI - € 104.613 - 18.260
L'UNIVERSALE - € 76.857 - 13.081
FRAULEIN: UNA FIABA D'INVERNO - € 41.876 - 6.764
LA RAGAZZA DEL MONDO - € 40.263 - 8.453
L'ULTIMA SPIAGGIA - € 36.551 - 6.983
UNLEARNING - € 36.543 - 7.116
LA BUONA USCITA - € 36.053 - 5.991
CON TUTTO L'AMORE CHE HO - € 32.523 - 6.338
ANTONIA - € 31.393 - 5.668
71/80
I VOLTI DELLA VIA FRANCIGENA - € 30.991 - 5.830
IL RAGAZZO DELLA GIUDECCA - € 30.530 - 5.022
ABBRACCIALO PER ME - € 28.946 - 5.433
INFERNET - € 27.031 - 4.226
SECONDA PRIMAVERA - € 24.796 - 4.933
IL MINISTRO - € 24.067 - 4.406
L'ETA' D'ORO - € 23.400 - 4.400
S IS FOR STANLEY - € 21.687 - 3.581
LIBERAMI - € 21.135 - 4.184
IL PIU' GRANDE SOGNO - € 18.930 - 2.840
81/90
SENZA LASCIARE TRACCIA - € 18.581 - 3.395
NESSUNO MI TROVERA': MAJORANA MEMORANDUM - € 18.345 - 3.505
ATTESA E CAMBIAMENTI - € 18.226 - 3.018
LA LEGGENDA DI BOB WIND - € 15.151 - 2.774
DUE EURO L'ORA - € 15.042 - 2.446
OSCAR - € 14.638 - 3.495
SPIRA MIRABILIS - € 13.854 - 2.627
LI SORDI FA JI L'ACQUA PER NENZU' - € 12.989 - 1.856
BELLI DI PAPA' - € 12.638 - 3.975
PORNO & LIBERTA' - € 12.482 - 2.342
91/100
I CORMORANI - € 12.452 - 2.182
TRE GIORNI DOPO - € 12.277 - 2.033
I RICORDI DEL FIUME - € 11.912 - 2.392
NAPLES '44 - € 11.792 - 2.165
IN BICI SENZA SELLA - € 11.504 - 2.035
CALCOLO INFINITESIMALE - € 11.338 - 2.321
...COME UNA ROSA NELL'ARMADIO - € 10.297 - 1.734
LA SINDROME DI ANTONIO - € 9.976 - 1.572
GRAMSCI 44 - € 9.649 - 2.157
MONTE - € 9.490 - 1.743

03/01/2017, 23:54

Antonio Capellupo

Video del giorno