I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

CRISTIANA CAPOTONDI E ALESSIO BONI


Interpreti princpali di "Di padre in Figlia" la fiction di Rai 1 in onda dal 18 aprile. Una famiglia del nord est alle prese con l'emancipazione femminile


CRISTIANA CAPOTONDI E ALESSIO BONI
Alessio Boni e Cristiana Capotondi "Di Padre in Figlia" (foto Pietro Coccia)
Cristiana Capotondi interpreta la figlia del titolo, Maria Teresa, lei rappresenta il motore dei cambiamenti allinterno della sua famiglia. Come si relazionata a questo personaggio?

Penso di poter definire il mio personaggio come una piccola rivoluzionaria pacifica" dice Cristiana Capotondi " allinterno della propria vita che determina il cambiamento sociale. Penso che sia un personaggio dotato di grande fantasia perch allora era veramente inconcepibile parlare di temi come realizzazione professionale e personale. Per una donna allora il percorso era obbligato, invece Maria Teresa obbliga gli altri a guardarla solo nella direzione in chi lei vuole andare che quella di una donna totalmente moderna. Avevo limpressione che le sue lotte fossero quelle di una donna del 2017 che si trova catapultata negli anni 50 e 60, e deve in qualche modo riappropriarsi di ci che ha perso. Mi sembrava un percorso di ritorno ad uno stato che quello in cui uomini e donne hanno la stessa parit di diritti e sono entrambi proiettati in un percorso personale che ha come scopo la felicit. Sono veramente fiera di aver interpretato questo personaggio, non capita spesso che i tuoi personaggi siano di ispirazione. Per me stata un'ispirazione costante il personaggio stesso. Prima mi chiedevano a quale donna avessi pensato per interpretarla. Certamente a Maria Teresa: era talmente carica di motivazione e forza che ha fatto tutto lei. Grazie di avermi immaginata in questa storia. Sono storie che ti lasciano come persona un afflato di futuro.

Giovanni Franza lo stereotipo del maschio italico, dominatore non solo della sua vita ma anche di tutti i componenti della sua famiglia. Sar il vero sconfitto di questa storia o sapr trasformarsi anche lui?

Per l'interprete Alessio Boni Raramente leggo sceneggiature che mi commuovono. Devo ringraziare Giulia (Calenda), Francesca (Marciano) e Valia (Santella) e ovviamente Cristina (Comencini) per questa sceneggiatura. Io mi sono commosso proprio per il personaggio che ho interpretato. stato definito disposta e tiranno, ma lui era solo un uomo degli anni 50 nellItalia degli anni 50. Era il mio bisnonno, probabilmente mio nonno, nei racconti di mia nonna Maddalena che mi diceva che doveva cucinare con le sorelle e la madre per i maschi che stavano in salotto e poi loro mangiavano in cucina. Una ragazza di ventanni di oggi non pu neanche avvertire una cosa del genere, io lho appena appena sentito raccontato da mio padre, ma negli anni 50 era la norma il patriarcato. Non il Franza ad impiegare anni a capire che le cose sono cambiate e passare il testimone a Maria Teresa, ma l'Italia che impiega trenta e pi anni a capire ed accettare le lotte delle donne per i loro diritti.
Detto questo Giovanni Franza un uomo che viene dall'agricoltura, dagli anni 50, dal retaggio del dopoguerra, dal Veneto lavoratore, con la voglia di fare, di guadagnare pi soldi possibile, non cattivo. Per lui limportante era suo figlio perch avrebbe dovuto portare avanti il nome della famiglia e il patriarcato.
Cristina Comencini immaginando questa serie, ha sottolineato questaspetto del nostro passato, mai sottolineato in tv. Per quanto riguarda la parit, dobbiamo ancora scalare le montagne. Ancora adesso un dirigente donna a pari meriti di un dirigente maschio ha uno stipendio minore. Magari tra cinquant anni le generazioni future penseranno che anche noi siamo retrogradi.
Il Franza non un camorrista, non una pessima persona, uno che ineducato lui stesso ad educare i suoi figli. Era fiero di essere luomo alfa che rappresentava il veneto italiano e che doveva dare benessere alla sua famiglia. Quando la figlia dice di voler studiare chimica non lo accetta perch non fa parte del suo retaggio culturale. Non ho fatto altro che rappresentare un po della storia raccontata dai miei nonni.
Per un dramma molto forte che capita nella famiglia Franza, poi Giovanni riesce a capire l'amore che aveva accanto, sua moglie, a cui non dava mai interesse, anzi che tradiva, quindi anche il suo personaggio avr la sua evoluzione.

Un altro cambiamento che ha caratterizzato la seconda met del 900 ha riguardato il concerto di genitorialit: i figli si consideravano un possesso, una propriet, poi si andava sviluppando lidea che il figli sono essi stessi individui a se stanti e come tali richiedono rispetto, e non sono prolungamenti dei loro genitori. Il tuo personaggio ancora legato a questidea del figlio come possesso. Ti va di fare una riflessione su questo, magari anche collegandolo a qualche esperienza personale, se c stata?

Giovanni Franza" dice Alessio Boni " il retaggio di quel periodo storico in cui si era sballottati da una guerra, senza soldi, in cui le persone si industriano a fare qualsiasi cosa per riscattarsi da questa povert, ma perdevano di vista il comportamento, l'educazione. Ho fatto delle ricerche da cui emerso per esempio che tornando a casa dal lavoro, spesso gli uomini non chiedevano neanche come era andata a scuola al figlio, se aveva un compito in classe, non sapevano nulla di questo, non in quanto cattivi, semplicemente perch non avevano questa sensibilit. Erano forgiati in una cultura per cui era unonta se andavano con il passeggino in un giardino con un bambino e questo lo dico perch mio padre si vergognava di potarmi in giro con il passeggino senza mia madre.
Giovanni Franza un uomo che non ha i codici per dare un consiglio ai figli. Pensa che suo figlio abbia il suo stesso temperamento, che sia fatto con il suo stesso stampo e sbaglia tutto, lo vorrebbe forgiare come lui, un piccolo Giovanni Franza, cerca di togliergli qualsiasi velleit artistica, ideali diversi dai suoi. Era dritto come una freccia verso la perdizione questo essere umano: il riscatto economico era la cosa pi importante, andava ostentato il lusso che si poteva a raggiungere. Franza viene portato a cambiare mentalit dalle figlie e dalla moglie, e da un dramma che succeder nella storia.

10/04/2017, 19:40

Rita Bennardello