Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

IL NEMICO CHE TI VUOLE BENE - Abatantuono e una famiglia terribile


Il film diretto da Denis Rabaglia mischia commedia a noir senza imboccare una strada precisa. Tra professori universitari e killers senza scrupoli, il film si snoda senza approfondire troppo personaggi e situazioni. Con Diego Abatantuono, Antonio Folletto, Sandra Milo, Antonio Catania, Massimo Ghini e Roberto Ciufoli. In sala dal 4 ottobre con Medusa


IL NEMICO CHE TI VUOLE BENE - Abatantuono e una famiglia terribile
Diego Abatantuono
Ben cinque persone per la scrittura del film di Denis Rabaglia: Heidrun Schleef, lo stesso Rabaglia, Luca De Benedittis, Diego Abatantuono, David McWater. Ma proprio la scrittura che non porta il film da nessuna parte. O forse, potendola leggere, si riuscirebbe a comprendere che il problema di "Un Nemico che ti Vuole bene" il passaggio dallo scritto al girato, o meglio al girato, al recitato e al montato.

Un storia che potrebbe anche essere interessante, questa diretta da Rabaglia, ma che sullo schermo non riesce ad arrivare, ad essere credibile e dunque interessante per il pubblico. Forse il co-protagonista Antonio Folletto a non avere abbastanza corde per interpretare il personaggio di un killer della camorra, con lanimo incastrato tra mille problemi e che, con poche sfumature, prova a fare il cattivo senza mai riuscirci fino in fondo.

Diego Abatantuono, nel serio ruolo del professore di astronomia, perde la sua naturale attitudine alla comicit improvvisata, rimanendo con pochissime possibilit di dare un senso al film, possibilit che peraltro stonano con l'iniziale linea drammatica. Il suo personaggio dovrebbe vivere il dramma di scoprire che la sua famiglia un disastro, ma la naturale ironia dellattore dona alla situazione una leggerezza che stona con il vero carattere del film.

Come nel film Ricchi di Fantasia uscito in sala la scorsa settimana, anche qui troviamo il problema dei dialetti. A fronte di una crescente esigenza produttiva sempre alla ricerca di film commission, il parco attori a disposizione non riesce a svincolarsi da una recitazione caratterizzata da forti e ingiustificabili eccessi dialettali. Il padre parla milanese, la figlia pugliese, la nonna romano, insomma un miscuglio senza alcuna logica che contribuisce ad affievolire lindispensabile senso di credibilit.

01/10/2018, 17:44

Stefano Amadio