-D30
I Viaggi di Robi

TRIBECA FILM FESTIVAL 18 - In concorso "Flesh Out"


Michela Occhipinti: "Dopo la Berlinale, il Tribeca un sogno meravigliosamente assurdo..."


TRIBECA FILM FESTIVAL 18 - In concorso
Una scena di "Il Corpo della Sposa (Flesh Out)"
"Il Corpo della Sposa (Flesh Out)", opera prima di Michela Occhipinti, stata selezionata alla diciottesima edizione del Tribeca Film Festival, in programna dal 24 aprile al 5 maggio 2019 a New York (USA). Il film inserito nella sezione competitiva internazionale.

"Lidea del film nata ad aprile 2011, quando guardandomi allo specchio ho iniziato a vedere le rughe sul mio viso, che mi ha portato a fare una riflessione pi ampia sul corpo delle donne, sui canoni estetici, sulla libert... Poi un giorno per caso ho letto un trafiletto su un giornale che parlava di gavage (alimentazione forzata). Una prospettiva opposta, era la storia che stavo cercando. Ho passato mesi a fare ricerche e nel 2012 sono partita per la Mauritania. Un mese in giro per le citt a parlare con tantissime donne per capire di pi di questa pratica. Verso la fine di quel primo viaggio, quando iniziavo a disperare di trovare la protagonista, ho incontrato Verida. Era molto giovane, ma qualche anno prima aveva gi vissuto lesperienza che volevo raccontare nel film. I suoi occhi erano quello che stavo cercando. Sono andata via dicendo che sarei tornata ma non avevo idea di quando, perch al momento non avevamo finanziamenti. Abbiamo iniziato a fare pitch in qualche festival, molti erano interessati ma scettici. Sono seguiti un paio di anni di fermo per motivi personali, un altro sopralluogo nel 2016 e un altro ancora nel 2018, periodo in cui sono arrivati anche i primi finanziamenti. Un film a basso budget in un paese complesso in cui si parla un dialetto arabo, fatto da italiani con una troupe di 8 valenti e coraggiosi pi alcuni aiuti locali. 47 giorni tra preparazione e riprese senza scenografia, arredo, trucco, parrucco, costumiquindi ognuno ha fatto molto pi del ruolo che gli competeva. Ed stato duro, intenso e indimenticabile" - ha dichiarato Michela Occhipinti.

"Essere stati selezionati a Berlino nella sezione Panorama stato un gigantesco e fantastico giro di giostra. La cosa pi bella essere stati l con parte della troupe e degli attori e vederlo tutti insieme su un grande schermo, in pi alla Berlinale, stato molto emozionante. Son seguiti giorni di interviste , incontri con i venditori internazionali, gli uffici stampae pensare che in Lettere dal Deserto ero sola, mi iscrivevo ai festival, facevo le copie dei DVD a casa e poi andavo a spedirli alla posta Capito perch giro di giostra?! Sono anche uscite delle buone recensioni. Mi sento molto fortunata e non do nulla per scontato" - ha continuato Michela Occhipinti" - "E poi arriva Tribeca, un sogno meravigliosamente assurdo. Da non crederciNel concorso internazionale. Wow. Non torno a New York da una quindicina di anni ed era da un paio di anni che dicevo che avrei voluto tornarci e tra un mese e mezzo appena arrivo credo che canter a squarciagola Now youre in New York, concrete jungle where dreams are made of, there's nothin' you can't do".

11/03/2019, 08:59

Simone Pinchiorri