I Viaggi Di Roby

EFA 2019 - Stravince "La Favorita"


EFA 2019 - Stravince
"La Favorita" ha dominato la 32. edizione degli European Film Awards, vincendo in tutte le categorie principali. La serata è lunga più di tre ore, è condotta brillantemente dall’attrice tedesca Anna Brüggemann e dall’attrice lituana Aistė Diržiūtė ma ha pochi momenti emozionanti ed è segnata da un incomprensibile (anche per molti tedeschi) umorismo teutonico.

Il film di Yorgos Lanthimos si aggiudica miglior film, miglior commedia, Olivia Colman è la migliore attrice europea e Lanthimos il miglior regista.
Miglior attore europeo è Antonio Banderas per Dolore e Gloria di Pedro Almodovar.
Miglior documentario è For Sama diretto da Waad al-Kateab, Edward Watts. Céline Sciamma si aggiudica la miglior sceneggiatura per Ritratto di una donna in fiamme.

L’Italia resta a mani vuote, nessun riconoscimento, nonostante le tante nomine per Il Traditore di Marco Bellocchio e i documentari Selfie di Agostino Ferrente e La scomparsa di mia madre di Beniamino Barrese.

Tra i pochi momenti emozionanti di una serata troppo lunga e con pochi vincitori presenti in sala - grandi assenti Lanthimos, Coleman, Sciamma, Waad al-Kateab, Edward Watts - i premi alla carriera a Juliette Binoche, presentato da una visibilmente emozionata Claire Denis con un intervento video di Panahi e il premio a Werner Herzog, presentato da Wim Wenders.
L’Academy introduce il premio alla miglior serie europea che va alla serie colossal tedesca Babylon Berlin ma non comunica le altre serie nominate al premio.

È un anno di cambiamento all’interno dell’European Film Academy, Mike Downey, annuncia che l’EFA si batterà per la parità di genere in tutte le categorie del cinema e per la difesa dei filmmaker in pericolo, annuncia anche varie iniziative in questa direzione e invita sul palco il regista ucraino Oleg Sentsov recentemente tornato in libertà.

La Gran Bretagna ha fatto incetta di premi a questa 32. edizione, in vista dei tanti cambiamenti annunciati ci chiediamo quale sarà l’impatto che avrà la Brexit sull’Accademia del Cinema Europeo e sulle sue scelte.

09/12/2019, 07:09

Claudia Tomassini