CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby
locandina di "Nuguo - Nel Nome della Madre"

Cast

Nuguo - Nel Nome della Madre


Director: Francesca Rosati Freeman, Pio D'Emilia
Year of production: 2014
Durata: 56'
Tipology: documentario
Country: Giappone/Italia
Produzione: Dharma 3
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Aspect Ratio: Digital/Full HD/DHP
Formato di proiezione: DCP, colore
Press office: Studio Vezzoli
Titolo originale: Nuguo - Nel Nome della Madre

Recensioni di :
- NUGUO - Nel nome della Madre

Storyline: I Moso sono una minoranza etnica di circa 40mila persone. Vivono in vari villaggi attorno al lago Lugu, a circa 2700 metri, a cavallo delle due regioni dello Yunan e del Sichuan, nel sud-est della Cina.
Non sono abbastanza numerosi per avere uno statuto autonomo e per questa ragione sono considerati un ramo dei Naxi, una minoranza etnica più numerosa che conta 400mila persone e che sembra avere delle radici comuni con i Moso.
Provengono entrambi dal Tibet, ma mentre i Moso grazie al loro isolamento hanno mantenuto intatta la struttura matriarcale, i Naxi sotto l'influenza delle varie dinastie imperiali che si sono succedute sono passati da una struttura matriarcale ad una struttura di tipo patriarcale. La loro è una società egualitaria di tipo matrilineare. È la dabu, cioè la donna anziana, che guida la famiglia e tutti i suoi discendenti portano il cognome materno. Questo sistema familiare non contempla il matrimonio né la convivenza. Le donne hanno a disposizione una loro camera (la camera dei fiori) dove si intrattengono con i loro partner, generalmente solo durante la notte. Non vi è alcun riconoscimento giuridico della paternità, il padre può avere con i propri figli un ruolo affettivo, senza tuttavia poter esercitare diritti o aver obblighi materiali. Il ruolo "paterno" viene invece esercitato dagli zii materni.
Questo assetto socio-familiare unito alla pratica del consenso esclude ogni forma di violenza, sia domestica che "sociale".

Violenza sessuale, stupro e soprattutto femminicidio sono sconosciuti.
Un messaggio forte e chiaro sull'esistenza di modelli "diversi" di società dove l'assenza di una famiglia "tradizionale", anziché simbolo di decomposizione sociale, rappresenta un esempio di convivenza armoniosa e priva di ogni tipo di discriminazione. Una sfida alla pretesa di universalità della famiglia patriarcale.

  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto