!X

Bosnia Express


Regia: Massimo D'Orzi
Anno di produzione: 2021
Durata: 52' - 70'
Tipologia: documentario
Genere: etnologico/sociale
Paese: Italia/Francia/Macedonia
Produzione: Il Gigante Cinema, Loups Garoux Produzioni; in collaborazione con Istituto Luce
Distributore: Istituto Luce
Data di uscita: 01/02/2022
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Ufficio Stampa Cinecitt Luce
Vendite Estere: Rai Com
Titolo originale: Bosnia Express

Sinossi: Un treno attraversa lento il cuore della Bosnia Erzegovina: Sarajevo, Tuzla, Srebrenica, Konjic, Mostar. Donne, religione, guerra, violenza, arte lanciati sullo schermo come dadi su una scacchiera o giocati alla roulette russa. In palio vita o morte, verit o menzogna. La macchina da presa indaga dietro il ritrovato ordine delle cose. Fin dove pu giungere lo sguardo per conoscere? Una scuola di danza, i corridoi della facolt di pedagogia islamica, le aule di musica rock, la collina di Medjugorjie, sono i luoghi da cui i personaggi muovono linchiesta. Ma come possibile chiedere ai carnefici o alle vittime conto di un orrore? La guerra non ha un volto di donna. Non successo niente in Bosnia Erzegovina. Niente.

Sito Web: http://

Ambientazione: Sarajevo (Bosnia e Erzegovina) / Tuzla (Bosnia e Erzegovina) / Srebrenica (Bosnia e Erzegovina) / Konjic (Bosnia e Erzegovina) / Mostar (Bosnia e Erzegovina)

"Bosnia Express" stato sostenuto da:
MIBACT
Programma Media Unione Europea
Lazio Innova


Libro sul film "Bosnia Express":
"Bosnia Express. Politica, Religione, Nazionalismo e Poverta' in quel che resta della Porta d'Oriente"
di Luca Leone, 155 pp, Infinito Edizioni, collana Orienti, 2010
Un dopoguerra interminabile, quello della Bosnia Erzegovina. Oggi, tre lustri dopo, il Paese in mano a politici corrotti, alle mafie che ripuliscono il denaro sporco nel settore immobiliare e nelle banche occidentali e arabe, a gruppi stranieri che giorno dopo giorno esigono il pagamento di un dazio infinito, il cui peso ha avuto origine nella guerra del 1991-1995. Bosnia Express il viaggio in un Paese deragliato, con un ritardo strutturale di quarant'anni, ridotto economicamente e culturalmente in ginocchio e squassato dai nazionalismi e dalle contrapposizioni di credo, ma ci nonostante capace di destare molti appetiti. E di sorprendere. Prefazione di Sabina Langer. Introduzione di Riccardo Noury. Presentazione di Francesco De Filippo. Postfazione di Enisa Bukvic.
prezzo di copertina: 12,00


Note:
Tratto liberamente dal libro Bosnia Express di Luca Leone - Infinito Edizioni.

Video


Foto