Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

Proseguono le riprese del film "La Rabbia" di Louis Nero


Un cast straordinario per il cinema indipendente: Franco Nero, Nico Rogner, Arnoldo Foà, Philippe Leroy, Giorgio Albertazzi, Tinto Bras, Jun IchiKawa, Corso Salani, Faye Dunaway...


Proseguono le riprese del film
Il 17 novembre 2006 a Torino il regista indipendente Louis Nero (ha all'attivo tre film: Golem, Pianosequenza, Hans) ha cominciato le riprese de “La Rabbia”. I protagonisti del film sono Nico Rogner e Franco Nero.
IL 31 gennaio 2007 sarà sul set, a Torino, Faye Dunaway che interpreterà il ruolo della “madre” del protagonista “il regista”.
Nella trama durante il suo girovagare notturno, il personaggio del “regista” (Nico Rogner) si imbatte in una Donna (Faye Dunaway) ed un bambino, non riesce a capire se si tratti di un sogno o di cruda realtà. Dopo alcuni istanti la Donna si rivela come sua madre, il bambino è proprio lui da giovane. Dopo alcuni istanti la Mamma conduce il regista all’interno di un ospedale, dove rivivono il momento della morte del Nonno (Philipe Leroy) del regista. Ha inizio il monologo della Mamma, che si rivolge direttamente al regista e lo ammonisce di stare attento al mondo e di non perdere mai la sua purezza.

Argomento de "La Rabbia"
Il film affronta la tematica del “sistema cinema”. Il personaggio protagonista è un regista che, nel tentativo di realizzare un film, si deve scontrare con le dure leggi del mercato vigenti in un settore che dovrebbe essere aperto anche ad opere più artistiche e sperimentali, ed invece appare sempre più chiuso e ripiegato su se stesso. L' opera si connota come lavoro di denuncia nei confronti di un sistema che ha tutte le caratteristiche di un'industria, e non ha, spesso, più niente a che fare con la sua missione artistica iniziale, che era quella di muovere e di elevare l'animo umano, come cita uno dei personaggi de La Rabbia: "L'umanità esiste per creare opere d'arte". Solo la rabbia guida il personaggio - giovane regista alla realizzazione del suo film, la rabbia se ben incanalata, come tutti gli autentici sentimenti, diventa una forza, il motore interiore che alimenta la voglia di riscatto, e non permette la resa. Il film tratta seriamente l'argomento senza per questo escludere l'ironia sul mondo del cinema, e sui suoi personaggi. Vuole essere omaggio alla magia del cinema, all’ illusione che la proiezione crea, ma tuttavia affronta un problema reale, la difficoltà di portare a termine un processo creativo senza l’ aiuto di grandi budget. Esperienza che rispecchia appieno quella del regista Louis Nero senza tuttavia essere un lavoro autobiografico. Il tema de “La Rabbia” nasce quindi da un percorso personale, dal desiderio di comunicare a più pubblico possibile, dalla voglia di raccontare l’ideale estetico, la lotta con i problemi economici, le relazioni personali.

CAST
Hanno aderito al progetto star italiane e internazionali e personalità legate al mondo del cinema: nella parte del "mentore", Franco Nero; nella parte del "regista", Nico Rogner (star nascente del teatro franco-tedesco); nella parte della “mamma”: Faye Dunaway, nella parte del "nonno", Philippe Leroy; nella parte dello "spazzino", Lou Castel; nella parte de "l'attore": Arnoldo Foà; nella parte del "produttore commerciale", Giorgio Albertazzi; nella parte del "primo sceneggiatore", Corso Salani; nella parte del "secondo sceneggiatore", Giampiero Lisarelli; nella parte della "donna cics", Jun IchiKawa; nella parte del "personaggio orientale", Hal Yamanouchi; nella parte del "distributore", Gregorio Napoli; nella parte del "primo produttore", Tinto Brass; nella parte della "segretaria del distributore": Barbara Enrichi; nella parte della "fidanzata del regista", Lucia Luciano; nella parte del "regista pubblicitario", Sax Nicosia; nella parte della "segretaria del primo produttore", Antonella Salvucci; nella parte di "Lucilla", Selene e Asia Cibelli.

Tengo pulita una piccola parte di mondo, questa è la mia funziona. Ti sembra riduttivo? La scopa è il mio mezzo d' espressione, è lo strumento del mio volere. Veloce o lenta come il mio pensiero, sicura nello stanare la maleducazione, timorosa nel rimuovere l'ennesimo viaggio di una mente che vive nell' oblio. Quanta vita conosce la mia scopa, quante storie potrebbe raccontare se avesse il dono della parola. Si commuove dinanzi alla foglia che ha perso vita, sussurra parole di conforto alla carta che mani nervose hanno giudicato inutile. Quante storie ti potrebbe raccontare se solo tu l'ascoltassi.
da “La Rabbia”

02/02/2007