I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

FALCHI - D'Angelo, Riondino e Cerlino


Uscir nelle sale italiane il 2 marzo Falchi diretto da Toni D'Angelo, al suo terzo film di finzione da regista. L'incontro con regista e cast


FALCHI - D'Angelo, Riondino e Cerlino
Michele Riondino e Fortunato Cerlino in Falchi dal 2 al cinema
La trama incentrata sulla vita personale di due falchi della Squadra Mobile di Napoli: Francesco (Michele Riondino), tormentato da un profondo senso di colpa che cerca di alleviare facendo uso di farmaci, e Peppe (Fortunato Cerlino), addestratore di cani da combattimento, entrambi efficienti e professionali sul lavoro ma alla ricerca della pace interiore.

"Ho voluto focalizzarmi sugli aspetti fondamentali dell'esistenza-, ha dichiarato il regista- mi sono ispirato al cinema di Hong Kong degli anni '90, che porta sullo schermo l'essenzialit della vita. Perch amicizia, lavoro, lealt, sono i valori che determinano le azioni degli uomini".

Per Fortunato Cerlino poliziotto e abile addestratore di cani da combattimento " stato difficile recitare con Ettore, il cane scelto per affiancarmi sullo schermo. I cani in fondo sono come bambini: non mentono, non fingono emozioni, devi trattarli come faresti fuori dal set cercando di non stravolgere il copione".

"Francesco e Peppe vengono analizzati dall' interno senza filtri - ha aggiunto Michele Riondino,- cosa insolita nel cinema italiano di oggi. stato arduo imparare a pensare come avrebbe fatto il personaggio, assorbirne la mentalit senza giudicarlo per le sue azioni".

Proprio i comportamenti poco morali degli agenti, come evidenziato da alcuni membri della stampa, fanno si che lo spettatore non riesca a distinguere i buoni dai cattivi.

Fortunato Cerlino, con un briciolo di ironia dice che "Bene e male sono due categorie che non possono descrivere le sfumature dell'animo umano, perci sarebbe utile ragionare per circostanze. Definire dei ruoli non aiuta a riflettere ma fa nascere pregiudizi, quindi non serve Trump per costruire dei muri!".

Michele Riondino ha aggiunto: "L'attore gode del privilegio di non dover giudicare il personaggio che interpreta poich questo un compito che spetta al pubblico, e se buoni e cattivi fossero ben distinti non ci sarebbe molto da giudicare".

Toni D'Angelo racconta una semplice storia in modo non convenzionale, con quel pizzico di ambiguit che conquista e intriga.

"Sorrentino ha proposto un papa che fuma!" ha ricordato a proposito Cerlino.

E infatti questa anticonvenzionalit non guasta, rende il film internazionale e mette in risalto la realt, in cui alla violenza difensiva di un cane si contrappone la crudelt dell'uomo, essere apparentemente forte ma infiammabile come paglia; dove la giustizia personale prevale sulla legge, ma sempre possibile scorgere un barlume di speranza.

Verdiana Bottino

28/02/2017, 16:40