FilmdiPeso - Short Film Festival

POVERI MA RICCHISSIMI - Famiglia Tucci, secondo capitolo


Fausto Brizzi dirige il nuovo film di Natale della Warner, sguito delle avventure della famiglia di Torresecca diventata milionaria. Lucia Ocone primeggia con il suo personaggio volgare ma acuto, in grado di far scattare la risata in ogni scena. Nel cast Christian De Sica, Enrico Brignano, Lodovica Comello, Anna Mazzamauro, Massimo Ciavarro e Paolo Rossi.


POVERI MA RICCHISSIMI - Famiglia Tucci, secondo capitolo
"Poveri ma Ricchissimi" regia di Fausto Brizzi
Nel nuovo film di Fausto Brizzi, Lucia Ocone a fare la parte del leone. Dopo che in "Poveri ma ricchi", lo scorso anno, si era fatta notare per i tempi comici, tenendo testa a De Sica e Brignano e mettendo a segno le battute pi divertenti del film, in "Poveri ma Ricchissimi" al centro della vicenda, protagonista della storia pi umana tra tutti i personaggi.

I Tucci, la famiglia pi burina ma anche pi ricca dItalia, torna a far parlare di s dopo essere tornata in possesso dei suoi soldi. Per evitare di pagare le tasse, decide di rendere indipendente Torresecca, il paese dove vive facendolo diventare con un referendum un principato e un paradiso fiscale. Il principe ovviamente Christian De Sica che per loccasione decide di rifarsi il look, via i ricci e su un orrido ciuffo biondo alla Trump.

La principessa dunque Lucia Ocone, first lady che prova a mettere la testa fuori dal nucleo familiare e tra una gaffe e laltra, una battutaccia e una volgarit (il problemino alle gambe dato dal prosecco da antologia) incornicia un personaggio azzeccatissimo, sempre puntuale e in grado di chiudere tutte le sue scene con una risata. La sua relazione con lo scrittore (Massimo Ciavarro) procede con una situazione comica dietro l'altra chiudendo la prima notte con una battuta eccezionale.

Per Enrico Brignano, cognato del principe con un ruolo da capo del governo di Torresecca, qualche difficolt ad andare oltre laspetto sentimentale del film (si sposato con Lodovica Comello, aspetta una bambina e conosce il padre della moglie, lex carcerato Paolo Rossi), incontrando non pochi ostacoli nello sviluppo dei dialoghi, molto simili ai suoi monologhi televisivi, e nella chiusura delle scene.

Fausto Brizzi e Marco Martani (con la collaborazione di Christian De Sica) scrivono un film divertente, qualche volta volgare ma puntuale, n pedante n retorico nella fase di giudizio dellItalia e dei vizi degli italiani. La sceneggiatura va avanti semplice ma spedita, senza intoppi o grandi forzature che comunque in un film comico ci stanno. Anche i dialoghi e le situazioni sembrano funzionare, aiutate dagli attori (c anche la nonna Anna Mazzamauro) e da uno spirito che sembra diverso rispetto al passato recente, quando al cinepanettone si dedicava pochissimo tempo per la scrittura, nella convinzione che tanto la gente sarebbe andata in ogni caso a vederlo.

12/12/2017, 08:33

Stefano Amadio