I viaggi di Roby
Cinema Aquila

BERLINALE 68 - "La Terra dell'Abbastanza" in Panorama


Opera prima di Fabio e Damiano D'Innocenzo che scendono anche loro nella periferia romana raccontando due amici che per cambiare vita finiscono per coinvolgersi nella malavita locale. Con i ragazzi Andrea Carpenzano e Matteo Olivetti, e i caratteri di Luca Zingaretti, Max Tortora e Milena Mancini.


BERLINALE 68 - "La Terra dell'Abbastanza" in Panorama
Andrea Carpenzano e Matteo Olivetti
Periferia romana, due ragazzi, famiglie disfatte, disperazione. E la malavita in agguato, sempre alla ricerca di nuova mano dopera fidata, attenta a cogliere loccasione giusta per coinvolgere nei traffici peggiori anche chi in fondo ha il cuore puro.

Ambientato in un quartiere che avevamo visto per la prima volta nel 2009, in un documentario di Andrea Segre, si parla un romanesco moderno e nervoso, inquinato dalle migrazioni recenti che lo hanno reso pi volgare. La normalit non esiste e tutto sopra le righe o disperatamente bisbigliato, proprio l dove la vita scorre in genere nella routine pi assoluta. Certo il cinema spesso va a raccontare momenti eccezionali di vite normali ma il sapore ad essere diverso e a corrispondere raramente con quella verit che diventata il marchio di fabbrica di molto cinema italiano recente.

Fabio e Damiano DInnocenzo scrivono e dirigono la loro opera prima raccontando di Mirko e Manolo, Matteo Olivetti e Andrea Carpenzano, dei loro genitori, gli ottimi Milena Mancini, madre di Mirko e Max Tortora il padre di Manolo, e del boss della malavita di zona, un Luca Zingaretti misurato e credibile nella sua spietatezza.

proprio la coppia protagonista per a non reggere il ruolo tra sparate gratuite, urli, strilli, parolacce superflue, masticate a bocca aperta, tirate di naso e smorfie varie che fanno tanto, troppo borgataro (da cinema) incattivito.

17/02/2018, 23:00

Stefano Amadio

Video del giorno