CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

LIBERI DI SCEGLIERE - Spezzare la catena della 'ndrangheta


Il film diretto da Giacomo Campiotti entra nelle famiglie malavitose calabresi e racconta il tentativo di un Giudice di spezzare il collegamento tra padri e figli che condanna questi ultimi a una vita nel crimine. Con Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo, Carmine Buschini, Francesco Colella, Corrado fortuna e Federica De Cola. In onda su Rai 1 martedì 22 gennaio in prima serata


LIBERI DI SCEGLIERE - Spezzare la catena della 'ndrangheta
Alessadro Preziosi e Vincenzo Palazzo "Liberi di Scegliere"
Un bel soggetto e uno sviluppo interessante, "Liberi di Scegliere" va in Calabria per raccontare un metodo “sperimentale” per combattere la ‘ndrangheta. Come spiega il Giudice Lo Bianco (Alessandro Preziosi) protagonista del film, andare a colpire il potere delle famiglie e la catena inattaccabile che lega le generazioni alla malavita si può e dare in affidamento i figli, in luoghi lontani dal potere granitico dei parenti, può essere una valida soluzione.

Non facile da applicare perché la cultura che contrappone la propria famiglia a tutto quello che appare contrario e diverso è difficile da modificare, ma non impossibile.

E dunque "Liberi di Scegliere" racconta il caso di allontanamento forzato di minori da una famiglia appartenente alla mafia calabrese: padre latitante tra bunker interrati e porcili nell’Aspromonte; madri completamente annullate e dedicate a tenere in piedi rapporti a distanza tra silenzi e assenze a tempo indeterminato; figli dal destino segnato tra probabule carcere e ingresso nelle attività illegali di mezzo mondo.

Proprio per cercare di dare una vita diversa a due di questi ragazzi, la Giustizia prova ad allontanarli dalla famiglia. Nella realtà, dal 2012 ad oggi sono stati 40 i casi come questo raccontato nel film, in onda su rai 1 in un'unica prima serata.

Ovviamente sceneggiatura, dialoghi e messa in scena sono elementari e limitati al pubblico di riferimento. Semplici e lineari, con qualche drone e i soliti tavoli da pranzo, lavoro, ufficio, carcere che fanno da divisorio tra gli attori che recitano le loro battute uno al di qua uno al di là del piano. Ma questa è Rai 1 e gli sceneggiatori con Giacomo Campiotti spingono sui sentimenti più facili e sulle spiegazioni superflue, staccando il gas sull’azione, sulle atmosfere e il non detto.

Comunque "Liberi di Scegliere" è un prodotto interessante su un tema che, malgrado sia in testa agli argomenti relativi alla Calabria, tende sempre ad essere dimenticato o omesso sia dalla cronaca sia dal cinema.


Servizio di Caterina Sabato


17/01/2019, 16:45

Stefano Amadio