CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

PALLADIUM FILM FESTIVAL - Quattro giorni
dedicati al cinema di ieri e di oggi


PALLADIUM FILM FESTIVAL - Quattro giorni dedicati al cinema di ieri e di oggi
Quattro giorni dedicati al cinema di ieri e di oggi con incontri, proiezioni e omaggi ai grandi autori del panorama italiano: da lunedì 22 a giovedì 25 novembre 2021 torna il Palladium Film Festival - CineMaOltre, manifestazione che negli ultimi quindici anni si è proposta come un importante spazio di riflessione e dibattito sul cinema e l’audiovisivo nello storico quartiere romano della Garbatella.

Ideato e diretto da Vito Zagarrio, è organizzato dal Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell'Università Roma Tre in collaborazione con la Fondazione Roma Tre Teatro Palladium e si avvale di un finanziamento del MiC - Ministero della Cultura.

Il Palladium Film Festival - CineMaOltre guarda al cinema da numerosi punti di vista, superando non soltanto i confini generazionali, ma anche quelli che imporrebbero delle separazioni troppo rigide che non sono in grado di raccontare davvero quel che il cinema è stato, è, e sta diventando. Il programma infatti mira a tenere insieme e a mettere in dialogo tra loro cinema d’autore e cinema di genere, documentario e finzione, cortometraggi e lungometraggi, con l’obiettivo di gettare letteralmente lo sguardo OLTRE ogni forma di separazione, per creare una complessa e articolata rete di visioni e discorsi.

Apre le giornate del Festival, a partire da lunedì 22 novembre (dalle ore 15 alle ore 17) il tradizionale concorso di cortometraggi Carta Bianca DAMS: una giuria internazionale – costituita da Alex Marlow-Mann (Kent University), Daria Pomponio (critica cinematografica) e Paola Dalla Torre (Università LUMSA) – assegnerà un premio al miglior corto presentato. Il pubblico, a sua volta, avrà occasione di votare i film in gara. Verranno inoltre proiettati, fuori concorso, progetti realizzati dagli studenti e dalle studentesse del DAMS di Roma Tre e cortometraggi prodotti dalla LUC - Libera Università del Cinema.

Si continua dalle ore 17 con proiezioni, incontri e presentazioni. Il 22 novembre Claudio Cupellini accompagna la proiezione del suo ultimo film La terra dei figli, tratto dall’omonima graphic novel di Gipi; a seguire l’omaggio a Michelangelo Frammartino con la proiezione de "Il buco", Premio speciale della giuria a Venezia ’78, alla presenza del regista. Il 23 novembre l’esordiente Hleb Papou, reduce dal successo al Locarno Film Festival, presenta il suo lungometraggio "Il legionario" insieme agli interpreti Germano Gentile e Marco Falaguasta e agli sceneggiatori Giuseppe Brigante ed Emanuele Mochi; alle 20.30 il film Premio della Giuria Giovani ad Annecy Cinéma Italien "I giganti" di Bonifacio Angius, premiato anche per la Miglior Regia, sarà commentato dal critico Raffaele Meale insieme all’attore Stefano Manca in collegamento video. Il 24 novembre Francesco Munzi è ospite del Festival con "Futura", co-diretto assieme a Pietro Marcello e Alice Rohrwacher; a seguire Alessandro Rak presenta, in collaborazione con il Convegno Internazionale L’animazione nel XXI secolo. Ripensare le immagini e le tecnologie dell’Università Roma Tre, il suo ultimo film Yaya e Lennie - The Walking Liberty.

Dalle ore 18 alle ore 22, è previsto un evento speciale nel foyer del Teatro dedicato alla realtà virtuale: Palladium VR. Grazie alla collaborazione con l’UICC - Unione Italiana Circoli del Cinema, per la prima volta il Palladium Film Festival - CineMaOltre metterà a disposizione del suo pubblico alcuni visori per poter fruire di prodotti d’animazione e in live action realizzati da importanti registi internazionali di VR. Sono previsti turni della durata di 20 minuti e sarà possibile prenotarsi inviando un’email a [email protected] L’esperienza sarà preceduta da una breve introduzione sulla storia della realtà virtuale curata da Daniele Clementi.

La giornata conclusiva del Festival (25 novembre), oltre alla premiazione e proiezione del corto vincitore del concorso “Carta Bianca DAMS”, vede tra i suoi protagonisti Kwanza Musi Dos Santos (Associazione “QuestaèRoma”), Emilia Vento e Mario Monaco per la presentazione del documentario "Il nero", lungometraggio del 1967 del cineasta Giovanni Vento mai distribuito in Italia e recentemente riscoperto grazie al restauro del Museo Nazionale del Cinema. Alle 21 l’animatore e regista Bruno Bozzetto è protagonista dell’incontro "Il disegno è un'idea con intorno una linea", nell’ambito del Convegno Internazionale L’animazione nel XXI secolo. Ripensare le immagini e le tecnologie dell’Università Roma Tre.

Oltre alle proiezioni e agli incontri con i registi, il Festival ospita il 23 novembre la presentazione dei primi due volumi della rivista Fata Morgana Web (Mimesis) a cura di Alessandro Canadè e Roberto De Gaetano, e il 25 novembre quella del libro "Harlem. Il film più censurato della storia del cinema" (La nave di Teseo, 2021) di Luca Martera.

20/11/2021, 13:13