I Viaggi Di Roby

Uomini Soli


Director: Paolo Santolini
Year of production: 2012
Durata: 64'
Tipology: documentario
Genres: sociale/storico
Country: Italia
Produzione: FaberFilm, Libera. Associazioni, Nomi e Numeri Contro le Mafie
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: DVD, colore
Titolo originale: Uomini Soli

Recensioni di :
- SPECIALE MAFIA - UOMINI SOLI: Pio, Carlo Alberto, Giovanni e Paolo

Storyline: Il film documentario racconta la storia di quattro uomini che, con il loro sacrificio nella lotta alla mafia in Sicilia, hanno cambiato la storia dell'italia

Sito Web: http://www.servizioclientiespresso.repubblica.i...

"Uomini Soli" è stato sostenuto da:
Arcoris TV
Coop Italia
Fonds Cinema Vérité
CGIL
ARCI
Italia/Razzismo Consorzio Sviluppo e Legalità
Marelift
Coldiretti Sicilia
Lo Specchio
Rec&Play
Adcom
Fazioli Pianoforti
Playmaker
Fondazione Progetto Legalità Onlus
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Fondo per l'Audivisivo del Friuli Venezia Giulia: 19.694,50 euro (Finanziato per la Distribuzione - Primo Bando 2012)


Libro sul film "Uomini Soli":
"Uomini Soli. Pio La Torre e Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino"
di Attilio Bolzoni, 232 pp, Melampo, 2012
Sono morti venti, trent'anni fa. Giù a Palermo. Lo sapevano che li avrebbero fermati, prima o poi. Facevano paura al potere. Italiani troppo diversi e troppo soli per avere un'altra sorte. Una solitudine generata non soltanto da interessi di cosca o di consorteria. Ma anche da meschinità più nascoste e colpevoli indolenze, decisive per trascinarli verso una fine violenta. Avevano il silenzio attorno. A un passo. Pio La Torre, nel partito al quale ha dedicato tutto se stesso. Il generale Carlo Alberto dalla Chiesa nella sua Arma, lui che si pregiava di avere "gli alamari cuciti sulla pelle". Giovanni Falcone e Paolo Borsellino in quel Tribunale popolato da giudici infidi. Vite scivolate in un cupo isolamento pubblico e istituzionale. Fino agli agguati, alle bombe. Un racconto collettivo scritto da Attilio Bolzoni, giornalista tra i più colti e sensibili, che ha memoria diretta di tutti e quattro i protagonisti e che da Palermo ha spiegato per decenni all'Italia personaggi e retroscena, misteri e drammi pubblici della Sicilia insanguinata e mai rassegnata.
prezzo di copertina: 16,00


Note:
Palermo: i destini incrociati di La Torre e Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino. un film documentario di Paolo Santolini scritto da Attilio Bolzoni, Paolo Santolini e Michele Astori.
Ai primi di dicembre del 2011 al giornalista Attilio Bolzoni viene chiesto se vuole scrivere un libro su quattro italiani uccisi a Palermo, venti e trent’anni fa. Quattro biografie. Sul segretario del partito comunista italiano della Sicilia Pio La Torre, assassinato il 30 aprile 1982. Su Carlo Alberto dalla Chiesa, generale dei carabinieri e prefetto di Palermo fatto fuori il 3 settembre 1982. Su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, giudici saltati in aria il 23 maggio e il 19 luglio del 1992. Inviato di Repubblica, conoscitore e testimone di tutte le vicende di mafia dalla fine degli Anni Settanta, Bolzoni decide di tornare a Palermo per raccogliere materiale per il suo libro. Questo viaggio in Sicilia, giorno dopo giorno, diventa molto di più di un lungo reportage ed è la riscoperta di una storia comune attraverso i ricordi e i sentimenti di una città, Palermo, martoriata da trent’anni di bombe, corpi carbonizzati, funerali, omelie rabbiose. Un cimitero a cielo aperto dove i drammi privati sono diventati drammi pubblici. Sono gli amici, i colleghi, i familiari, tutti quelli che hanno lavorato al fianco degli uomini uccisi tanto tempo prima, che raccontano le vittime ma contemporaneamente raccontano se stessi immersi in quel mondo ai confini del mondo. Parlare di La Torre e dalla Chiesa, Falcone e Borsellino, è come guardarsi dentro e accorgersi che è cambiato davvero poco nelle loro esistenze. E’ trascorsa una vita e non sanno ancora perché quegli uomini sono morti, chi ha ordinato la loro fine, perché qualcuno ha deciso di eliminarli. In realtà il film è un’esplorazione fra i sopravvissuti di una stagione terribile. Di quelli che sono stati definiti i «delitti eccellenti» di Palermo si conosce tutto e si conosce nulla. Nei bracci delle carceri speciali sono sepolti solo sicari mafiosi, sono loro gli unici mandanti che quest’Italia è stata in grado di individuare e di accettare come colpevoli. Il resto è ancora mistero. Pio La Torre, Carlo Alberto dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino erano quattro italiani fuori posto. Personaggi troppo veri per un’Italia di egoismi e di convenienze. Il tempo non passa mai.


Video


Foto