I Viaggi Di Roby
locandina di "Welcome Bucarest"

Welcome Bucarest


Director: Claudio Giovannesi
Year of production: 2007
Durata: 40'
Tipology: documentario
Genres: sociale
Country: Italia
Produzione: Il Labirinto; in collaborazione con Educinema
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Aspect Ratio: Mini DV
Formato di proiezione: Mini DV, colore
Press office: Reggi & Spizzichino
Titolo originale: Welcome Bucarest

Storyline: Istituto Tecnico Industriale Toscanelli: una scuola al centro di Ostia, tra la periferia di Roma e il mare. Alin Delbaci, 17 anni, classe 3° B, è nato in Romania e vive ad Ostia da quattro anni. La sua fidanzata e i suoi amici sono rumeni. Neanche nella bisca dove gioca a biliardo e nella discoteca dove va a ballare il sabato sera ci sono italiani. Ma come ogni altro adolescente Alin trascorre metà della sua vita a scuola, ed è lì che vive i suoi conflitti e le sue battaglie: con i suoi compagni di classe, con i professori, con l’Italia e con la sua nuova identità di straniero.
Quasi la metà degli studenti del Toscanelli non è di origine italiana; una comunità emblema di un territorio, quello di Ostia, la cui identità, molto più della capitale, è assolutamente multietnica.
Alin è stato scelto come esempio di una comunità rumena che è numerosa e presente nel territorio del XIII municipio. La sua storia ha come tema l’integrazione, che, raccontata nel privilegio della quotidianità, si sviluppa come un’osservazione dei suoi rapporti interpersonali.
Ho provato a considerare il concetto di integrazione al di là della sua astrattezza utopica, calandolo all’interno della realtà. Mi sono accorto che l’integrazione, anche quando è fortemente desiderata, non sempre è realizzabile: è un percorso di esperienza e di formazione che non ha termine, e che necessita una difficile e responsabile ridefinizione dell’identità, in uguale misura, in entrambe le parti, quella autoctona e quella straniera.

Ambientazione: Ostia (RM)

Video


Foto